giovedì 19 dicembre 2019

Il bimbo di 6 anni gettato dal decimo piano della Tate Modern sta meglio: «Ha ricominciato a parlare»


Il bambino di 6 anni gettato dalla terrazza al decimo piano della Tate Gallery di Londra, sembra si stia riprendendo. «Il nostro piccolo guerriero ha ricominciato a parlare». 



È con queste parole che la famiglia ha annunciato oggi gli ultimi «meravigliosi progressi» del piccolo.


Il bimbo, i cui genitori sono residenti in Francia, si era miracolosamente salvato, precipitando su una tettoia al quinto piano, ma riportando fratture varie e una grave emorragia cerebrale. Dopo mesi di cure, pagate grazie anche a una colletta pubblica online, i miglioramenti iniziano a dare frutti concreti e le speranze di ripresa crescono, hanno fatto sapere ora i familiari in un aggiornamento della pagina web creata per la raccolta dei fondi necessari a finanziare le costose terapie in corso.


 Il responsabile dell'accaduto, Jonty Bravery, 18 anni, autistico e con alle spalle diagnosi di sindrome da disturbo della personalità ossessivo-compulsivo, è attualmente detenuto in una struttura sanitaria. Il 6 dicembre si è riconosciuto colpevole del gesto, confessando d'averlo fatto per ottenere visibilità «nei notiziari della tv». La Corte londinese di Old Bailey s'è riservata di determinare la pena a febbraio.

Nessun commento:

Posta un commento

Mamma fa bere la birra alla figlia di 6 mesi: «La ama», ma il web si scatena

  Mamma fa bere birra alla figlia di 6 mesi e  sul web scoppia la polemica. Una donna ha postato sul social Reddit la foto della figlia di a...