martedì 24 marzo 2020

Mamma va in ospedale per fare il tampone e i poliziotti fanno da babysitter ai suoi due figli



Tampone per diagnosticare il coronavirus per una neomamma: mentre lei è in ospedale in attesa dei risultati, i poliziotti fanno da babysitter ai suoi due bambini.



Succede in Valle d’Aosta dove i contagiati da Covid-19 sono quasi 400.I poliziotti ai tempi del coronavirus possono trasformarsi anche in babysitter. Succede in Valle d’Aosta dove, due agenti di una volante della questura d’Aosta si sono cimentati come baby sitter con due bambini mentre la mamma si recava in ospedale per un tampone. La donna, una quarantaduenne originaria di Cogne si è recata all’ospedale Parini per gli esami del caso. Subito è stata sottoposta al tampone per accertare la positività.


Durante tutte le operazioni di accertamento, i poliziotti sono rimasti con i bambini, un maschio di 10 anni ed una femmina di 12, per tre ore e mezza.
Non essendoci altri familiari per poter assistere ai bambini, fino all’arrivo dei servizi sociali, i piccoli sono rimasti con i poliziotti. Quest’ultimi sono rimasti nell’alloggio protetti di guanti e mascherine. Subito dopo gli accertamenti, che hanno riscontrato una positività al coronavirus, la donna è stata mandata in isolamento a casa, non essendo grave.

Nessun commento:

Posta un commento

Dal 1° Giugno disponibile la piattaforma per richiedere il reddito di emergenza. Ecco come fare domanda

Sono  aperte   le domande  per il Reddito di emergenza, il un nuovo bonus Inps per le