domenica 22 marzo 2020

Partorisce in casa per paura della pandemia.Mamma e bimbo stanno bene



«Oramai era troppo tardi per andare in ospedale, la testa era già spuntata. Così l'assistente del 118, Ilaria, mi ha dato tutte le indicazioni e ho fatto nascere mio figlio». 



È ancora emozionato Alfonso. Non riesce a credere di essere riuscito a far nascere suo figlio da solo. "Abbiamo fatto tardi, mia moglie ha preferito aspettare fino alla fine. Il travaglio è stato velocissimo. Le si sono rotte le acque e a quel punto ho chiamato l'ambulanza. Ma mia moglie si è accorta che oramai non c'era tempo di correre in ospedale. Così l'ho stesa sul divano. Quando ho visto la testa ho solo detto “spingi”.


Intanto gli operatori mi hanno guidato passo dopo passo. Io raccontavo loro quello che accadeva e loro mi guidavano». Il piccolo Lorenzo è nato in piena notte a Frattaminore e sta bene. «Ora mia moglie è in ospedale».

Nessun commento:

Posta un commento

I pediatri: il sistema-scuola non funziona Troppi cinque giorni per un tampone

  Il sistema organizzativo dei tamponi per rilevare l'eventuale positività al coronavirus degli studenti "non sta funzionando: i te...