mercoledì 29 aprile 2020

Cassazione: i nati da madre surrogata non possono essere discriminati



I figli non possono essere «discriminati» in base alle «modalità di nascita». 



Per questo la Cassazione ha chiesto alla Consulta di accertare se la legge sulla fecondazione assistita non violi la Costituzione e le norme internazionali a tutela dei minori, compreso un recente parere della Corte di Strasburgo, laddove nega il riconoscimento anagrafico ai bimbi delle coppie omosessuali nati da maternità surrogata, pratica esclusa in Italia e sanzionata penalmente. Secondo gli ermellini, non riconoscere i figli di due padri o di due madri è un «declassamento delle relazioni genitoriali».

Nessun commento:

Posta un commento

Marito dice alla moglie incinta che “spera che muoia” e che “sanguini a morte” quando la vede in ospedale

“Gli ho detto che ci stavo provando, ma lui non sa come sia, non era lì nelle due settimane in cui ho sofferto in ospedale e non ha a...