sabato 25 aprile 2020

Deve partorire ma nessuno può portarla in ospedale, ci pensa l'assessore comunale



Per una serie di concomitanze contingenti, dovute a motivi strettamente di salute, sia il marito che i genitori erano impossibilitati ad accompagnarla in ospedale ed assisterla.


Lei una giovane mamma del Comune di Fivizzano, si sarebbe trovata a partorire lontano dal suo paese senza avere presso di sé le persone più care in un momento così importante e delicato nella vita di una donna. Pertanto, un abitante di Bardine di San Terenzo a Fivizzano, amico della coppia (lui Lorenzo, dipendente di una ditta che lavora per conto delle Ferrovie dello Stato, la moglie Paola, casalinga, residenti nella stessa frazione), ha ritenuto doveroso mettere al corrente della questione il sindaco di Fivizzano, Gianluigi Giannetti, sollecitato dal fatto che a breve sarebbe arrivata la cicogna. 

A questo punto primo cittadino del capoluogo lunigianese si è subito messo a disposizione per risolvere questa particolare problematica delegando l’assessore Diego Serafini a seguire con la propria macchina l’autoambulanza della Pubblica Assistenza di Fivizzano che ieri mattina all’alba ha accompagnato la signora presso il Reparto di Ostetricia-Maternità del Noa di Massa, diretto dal dottor Marrai ed a assisterla sotto ogni profilo in vece del marito e degli altri familiari più stretti.


"Giunto all’entrata dell’ospedale racconta l’assessore ho spiegato la situazione per cui ero presente: poco dopo è giunto un responsabile della struttura a salutarmi e medici e personale sono stati al massimo della disponibilità e gentilezza nei nostri confronti parlando con me come fossi un vicino familiare della signora. Ho vissuto una emozione bellissima, il parto era programmato; per me, che fra l’altro non sono ancora sposato, è stata una esperienza incredibile sentire ieri mattina un cuore battere nel ventre di una mamma ed ancora più grande e coinvolgente è stato quando ho potuto vedere i primi momenti di vita del piccolo Sebastian". 


"Come amministrazione comunale, avevamo deciso di non lasciare sola questa donna in un giorno così bello quanto difficile e pertanto, mi sono recato con lei al Noa dove le ho fatto compagnia nelle ore pre e post parto; per me- aggiunge Diego Serafini - è stata una vera gioia avere potuto essere in qualche modo di aiuto a questa mamma in uno dei momenti che maggiormente ricorderà nella sua vita. Per tutta la durata del parto, sono sempre stato in contatto ed ho riferito lo svolgersi della situazione al marito della signora. Un’esperienza straordinaria".


Da Fivizzano, il sindaco Giannetti si è poi collegato telefonicamente con la puerpera in ospedale congratulandosi con lei e porgendo a nome suo e di tutta l’amministrazione i migliori auguri e felicitazioni vivissime tanto alla mamma Paola, al babbo Lorenzo al fratellino Gioele ed a Sebastian, il nuovo nato, l’ultimo cittadino di Fivizzano appena arrivato.

Nessun commento:

Posta un commento

Milano,bimbo precipitato a scuola,il pm «Maestre e bidella causarono la morte»

«Hanno cagionato la morte del bambino» «per colpa consistita in negligenza, imprudenza, imperizia e inosservanza delle norme».