domenica 24 maggio 2020

Assegno Unico per i figli fino a 26 anni di età: a chi spetta?



C’è stata moltissima delusione per i
genitori italiani, dopo l’annuncio del bonus figli fino a 14 anni, di non trovare l’assegno per la prole inserito come misura nel Decreto Rilancio. Ma è bene sapere che una misura molto simile, approvata dalla Legge di Bilancio 2020, potrebbe entrare in vigore a partire dal 2021 con un Assegno Unico per i figli fino al compimento dei 26 anni di età.

Assegno Unico per i figli bi

La misura, è bene premetterlo fin dall’inizio, andrà a sostituire tutte le attuali norme a sostegno della famiglia e della genitorialità quali l’assegno al nucleo familiare, il bonus bebè, il bonus asilo nido, il bonus baby sitter, le detrazioni figli a carico ma anche misure destinate ai genitori, come ad esempio il bonus mamma domani.
L’assegno unico per i figli dovrebbe coprire l’arco di vita dei figli a carico da zero a 26 anni prevedendo l’erogazione di un importo mensile di 240 euro per figli fino al compimento dei 18 anni e di 80 euro per i figli con età compresa tra 18 e 26 anni, a patto che risultino a carico dei genitori.
Oltre a questo sussidio la misure dovrebbe prevedere anche un’erogazione una tantum di 400 euro per i figli con età compresa tra 0 e 3 anni, estendibile, in misura ridotta, anche ai figli fino al compimento dei 14 anni. Questa erogazione, oltre all’assegno mensile, dovrebbe andare a coprire le maggiori spese che un figlio richiede quando è piccolo e che oggi vengono, in qualche modo tamponate con il bonus asilo nido e con il bonus baby sitter.


Nessun commento:

Posta un commento

Tik Tok, il Garante Privacy blocca l'uso se età non verificata dopo la tragedia di Palermo

  «Il Garante per la protezione dei dati personali ha disposto nei confronti di  Tik To k il blocco immediato dell'uso dei dati degli ut...