domenica 3 maggio 2020

Cura donna incinta con plasma iperimmune: al Poma di Mantova arrivano i Nas. De Donno: «Non mi scoraggeranno»



Il blizt dei Nas al Poma di Mantova. La terapia con il plasma iperimmune, utilizzato in pazienti con Covid-19 in condizioni critiche, è diventata molto popolare sui social, suscitando diverse polemiche fra gli addetti ai lavori sulla sua efficacia



«Il plasma iperimmune ci ha permesso di migliorare ancora di più i nostri risultati. È democratico. Del popolo. Per il popolo. Nessun intermediario. Nessun interesse. Solo tanto studio e dedizione. Soprattutto è sicuro. Nessun evento avverso. Nessun effetto collaterale», rivendica su Facebook Giuseppe De Donno, direttore della Pneumologia dell'Ospedale Carlo Poma di Mantova, dove è stata condotta la sperimentazione. Uno studio alla ricerca di una cura per Covid-19, portato avanti congiuntamente al Policlinico San Matteo di Pavia da marzo.


De Donno nei giorni scorsi aveva attaccato il virologo Roberto Burioni che sul suo profilo Twitter aveva definito la cura già nota da tempo: «La terapia con siero (o plasma) iperimmune non è cosa nuova - il suo tweet - il primo premio Nobel andò a Von Behring nel 1901 per questa terapia, usata anche nel 1918 per la spagnola. La novità grossa ci sarà quando dati solidi diranno che funziona anche con COVID-19».


Nas sono però intervenuti al Poma di Mantova chiedendo informazioni sulla donna incinta guarita da Covid-19 con la somministrazione del plasma convalescente. La terapia sperimentale è «somministrata fuori protocollo in ambito compassionevole», precisa il direttore generale dell'Azienda Socio Sanitaria Territoriale di Mantova, Raffaello Stradoni, sulla 'Gazzetta di Mantova', che riporta la notizia della richiesta del Nas. Sul caso della donna incinta trattata con il plasma iperimmune è «tutto in regola» per De Donno, che scrive: «Ho letto su qualche quotidiano che la mia oramai figlioccia, non avrebbe avuto i requisiti per ricevere il plasma. Beh, nei criteri di esclusione non è prevista la gravidanza sottolinea quindi amici, tutto ok. Lo dico perché un protocollo va rispettato, ma certo, quando fosse possibile salvare vite, concorderei con la deroga per uso compassionevole».


Lo pneumologo sta utilizzando il plasma su un altro giovane paziente, sottoposto alla seconda infusione. «Il nostro giovane amico, come vi avevo anticipato, sta sorprendentemente bene. Così anche Pamela», la donna incinta. «Se qualcuno crede di scoraggiarmi - scriveva De Donno sempre su Facebook qualche giorno fa, riferendosi appunto al giovane paziente - non ci riuscirà. Oggi, dopo l'infusione di plasma iperimmune, ormai amico mio, stai molto meglio. La febbre quasi scomparsa. Migliorata l'ossigenazione. Meno ore di ventilazione meccanica. Tutto come da protocollo. Non sempre riusciamo a salvare tutti. Ma il più delle volte sì. E se qualcuno volesse solo provare ad intimidirmi, dovrà risponderne alla sua coscienza. La mia è limpidissima».

Nessun commento:

Posta un commento

Mamma fa bere la birra alla figlia di 6 mesi: «La ama», ma il web si scatena

  Mamma fa bere birra alla figlia di 6 mesi e  sul web scoppia la polemica. Una donna ha postato sul social Reddit la foto della figlia di a...