martedì 16 giugno 2020

Bonus di 1000 euro a fondo perduto. Ecco a chi spetta e come richiederlo all'agenzia delle entrate



Da oggi 15 giugno fino al 24 agosto,
imprese e partite Iva colpite dalle conseguenze economiche dell'emergenza coronavirus potranno richiedere un contributo a partire da mille euro a fondo perduto. 

L’Agenzia delle Entrare fornisce tutte le indicazioni per accedere al bonus previsto dall’articolo 25 del decreto Rilancio. Basterà compilare un modulo mediante il canale telematico Entratel oppure mediante un’apposita procedura sul sito dell’Agenzia delle Entrate nella sezione Fatture e Corrispettivi.

COME RICHIEDERE IL BONUS
Per richiedere il bonus occorre compilare elettronicamente il modulo sul sito dell’Agenzia delle Entrate entro il 24 agosto. Si potrà usare il canale telematico Entratel/Fisconline. Sarà possibile accedere alla procedura con le credenziali Fiscoonline o Entratel dell’Agenzia oppure tramite Spid, il Sistema Pubblico di Identità Digitale, oppure mediante la Carta nazionale dei Servizi (Cns). Per ogni domanda, il sistema dell’Agenzia effettuerà i dovuti controlli e comunicherà l’esito.

A CHI SPETTA E A CHI NO
Per richiedere il bonus occorre compilare elettronicamente il modulo sul sito dell’Agenzia delle Entrate entro il 24 agosto. Si potrà usare il canale telematico Entratel/Fisconline. Sarà possibile accedere alla procedura con le credenziali Fiscoonline o Entratel dell’Agenzia oppure tramite Spid, il Sistema Pubblico di Identità Digitale, oppure mediante la Carta nazionale dei Servizi (Cns). Per ogni domanda, il sistema dell’Agenzia effettuerà i dovuti controlli e comunicherà l’esito.

I REQUISITI NECESSARI 
I due requisiti fondamentali sono: l’aver conseguito nel 2019 ricavi o compensi non superiori a 5 milioni di euro e che l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2020 sia inferiore ai due terzi dell’analogo ammontare del mese di aprile 2019. È fatta eccezione per chi ha avviato la propria attività dopo il primo gennaio 2019, in tal caso si avrà diritto al contributo indipendentemente dal calo del fatturato. 

Stessa eccezione anche per tutti quei soggetti con domicilio fiscale o sede operativa situati nel territorio di Comuni colpiti da eventi calamitosi ancora in emergenza al 31 gennaio 2020.


COME SI CALCOLA IL CONTRIBUTO
Per sapere a che cifra si ha diritto si dovrà considerare la differenza tra fatturato e corrispettivi del mese di aprile 2020 e il valore corrispondente del mese di aprile 2019. A seconda della cifra ottenuta si dovrà applicare una percentuale:
-   20% se i ricavi e i compensi dell’anno 2019 non superano la soglia di 400mila euro
-   15%  se i ricavi e i compensi dell’anno 2019 non superano la soglia di 1 milione di euro
-   10%  se i ricavi e i compensi dell’anno 2019 non superano la soglia di 5 milioni di euro

Il contributo  sarà in ogni caso non inferiore a mille euro per le persone fisiche e di 2mila euro per i soggetti diversi dalle persone fisiche. Il bonus è escluso da qualsiasi tassazione.




Nessun commento:

Posta un commento

Marito dice alla moglie incinta che “spera che muoia” e che “sanguini a morte” quando la vede in ospedale

“Gli ho detto che ci stavo provando, ma lui non sa come sia, non era lì nelle due settimane in cui ho sofferto in ospedale e non ha a...