domenica 16 agosto 2020

Coronavirus, il governo: discoteche chiuse in tutta Italia. Stretta sulle mascherine





Il governo ha deciso di chiudere i locali da ballo a causa dell'aumento dei contagi da coronavirus. Stretta anche sulle mascherine: saranno obbligatorie anche all'aperto nei luoghi dove non è possibile mantenere il distanziamento.



Stop alle danze. Passato Ferragosto in Italia non si balla più. Il governo ha deciso di sospendere le attività di tutte le discoteche, sale da ballo e «locali assimilati», a partire da domani, 17 agosto, in tutta Italia.



La decisione, che avrà effetto almeno fino al 7 settembre e che era stata anticipata, è arrivata nel pomeriggio di domenica 16 agosto, quando i ministri di Sanità, Regioni e Sviluppo economico, Roberto Speranza, Francesco Boccia e Stefano Patuanelli, si sono uniti in videoconferenza con i governatori regionali per un vertice urgente, dopo il continuo aumento dei contagi.



E poco dopo il ministro Speranza ha firmato un’ordinanza per chiudere tutto da lunedì 17. 
Nel testo è chiarito che non sono ammesse deroghe regionali alla normativa nazionale. Come finora invece è accaduto, nonostante il Dpcm dello scorso 7 agosto non prevedesse la riapertura dei locali, anzi: «Restano comunque sospese le attività che abbiano luogo in sale da ballo e discoteche e locali assimilati, all’aperto o al chiuso». Fino al 16 agosto, solo due Regioni avevano autonomamente deciso di chiudere i locali da ballo: Calabria e Basilicata.



Non solo. Nell’ordinanza il governo ha deciso anche una nuova stretta sull'uso della mascherina che «dalle 18 alle 6», su tutto il territorio nazionale, l'uso delle mascherine torna obbligatoria anche «all'aperto, negli spazi di pertinenza dei luoghi e locali aperti al pubblico nonché negli spazi pubblici (piazze, slarghi, vie) ove per le caratteristiche fisiche sia più agevole il formarsi di assembramenti».



Il governo ha dunque deciso di adeguarsi al parere del Comitato tecnico scientifico, che già nei giorni scorsi aveva espresso la sua preoccupazione di fronte all'aumento dei casi di contagio. L'esecutivo ricordava anche come già nel Dpcm del 7 agosto scorso fosse prevista la sospensione delle «attività che abbiano luogo in sale da ballo e discoteche e locali assimilati, all’aperto o al chiuso» — divieto cui però molte Regioni avevano risposto con una deroga. La maggioranza delle Regioni, anche oggi, era contraria, preferendo limitazioni di orari e presenze alla chiusura totale.




Molto critico sulla decisione del governo il Sindacato dei locali da ballo (Silb) che conta «4 miliardi di fatturato a rischio» in caso di chiusura. E chiede aiuto al governo con sostegni come il taglio dell’Iva e la cassa integrazione per tutti i lavoratori di discoteche e locali da ballo. Ma c’è anche amarezza per una decisione arrivata «senza essere stati consultati da nessuno» e che «non capiamo». Fino ad oggi - dice Gianni Indino, presidente Silb Emilia Romagna - milioni di ragazzi si sono incontrati nelle discoteche e non è accaduto nulla, non abbiamo informazione su focolai causati dal ballo», ma, aggiunge, «se ci chiamassero a un tavolo e ci mostrassero indicatori sanitari, saremmo noi i primi a voler chiudere».

Nessun commento:

Posta un commento

Marito dice alla moglie incinta che “spera che muoia” e che “sanguini a morte” quando la vede in ospedale

“Gli ho detto che ci stavo provando, ma lui non sa come sia, non era lì nelle due settimane in cui ho sofferto in ospedale e non ha a...