lunedì 17 agosto 2020

Il dramma di una neo mamma californiana licenziata e sfrattata: “Vivo con i miei gemelli nella macchina”



La storia di Rossana Sastrami e dei piccoli Elijah e Elias è di quelle che fa
stringere il cuore. La donna lavorava al Vallejo Mobile Home Community and RV Park, ma lo scorso dicembre è stata licenziata per scarso rendimento sul lavoro. All’epoca del licenziamento Rossana era incinta dei due gemelli ed ha sporto reclamo per molestie e discriminazione. Un reclamo che però è stato respinto confermando la giusta causa del licenziamento.

Nel mezzo di questo tsunami lavorativo, la donna ha dovuto partorire e si è trovata nel mezzo della pandemia e della crisi economica. Il risultato è che non ha avuto modo di cercare un lavoro ed ha dovuto vivere con quanto gli è stato concesso con la liquidazione. Ma il dramma più grande è che non aveva una casa di proprietà e viveva in uno degli appartamenti concessi ai dipendenti dalla struttura in cui lavorava. Vinta la causa, i dirigenti della struttura l’hanno sfrattata e buttata in mezzo ad una strada.


Lo sfratto è divenuto esecutivo nel mese di luglio e per le prime settimane Rossana ha optato per prendere una camera in un albergo. Finiti i soldi, però, la donna è stata costretta a vivere in un parcheggio e dormire all’interno dell’auto. La sua foto è stata vista da alcuni volontari che le hanno offerto una settimana di accoglienza in un ricovero a Sacramento. Finita la settimana, però, Rossana è tornata in strada. Il problema è che senza un lavoro non potrà ottenere un contratto per una casa e senza qualcuno che si prende cura dei piccoli non potrà cercare un nuovo lavoro.

Lei, però, non ne fa un dramma e cerca di vivere positivamente anche in questa tragica situazione. In una recente intervista ha dichiarato: “Vivo ancora nell’auto, ma sono con i miei bambini e sono ottimista”. Il figlio più grande, nel frattempo, è andato a vivere con il padre ad Oakland. La speranza è che qualcuno, toccato dalla sua storia, si esponga e le offra una mano.


Nessun commento:

Posta un commento

Bimbo di 18 mesi ingerisce gel igienizzante. La nonna pensava fosse uno snack alla frutta

In Canada un bambino di 18 mesi ha ingerito un gel igienizzante sfiorando la tragedia.