lunedì 24 agosto 2020

Viviana Parisi, il corpo fotografato dai droni già il giorno dopo la scomparsa: «Forse Gioele era ancora vivo»





Il corpo di Viviana Parisi, la dj trovata morta nelle campagne di Caronia, in Sicilia, lo scorso 8 agosto, era visibile dai droni già il giorno dopo la scomparsa: il che significa che il suo cadavere poteva essere individuato molto prima. 




È quanto emerge da uno studio approfondito degli oltre 16mila fotogrammi di riprese eseguite dai droni dei vigili del fuoco che sono stati «ingranditi ed elaborati» e poi visionati da un consulente della Procura di Patti. A fare luce sul punto è il procuratore Angelo Cavallo, sottolineando che «il materiale proveniente dai droni non faceva parte degli atti del procedimento» ed «è stato trasmesso al consulente dai vigili del fuoco il 18 e 19 agosto scorsi». 




«Alle 10.15 del mattino del 4 agosto», l'indomani della sua scomparsa, il corpo di Viviana Parisi «era visibile ai piedi del traliccio» dell'Enel nelle campagne di Caronia, «verosimilmente nella identica posizione» in cui è stata trovata l'8 agosto. E in quel momento «non si evidenzia la presenza del corpo del piccolo Gioele vicino a quello della madre», emerge dallo studio. La tempistica secondo l'avvocato Nicodemo Gentile, che col collega Antonino Cozza rappresenta i genitori di Viviana, «impatta moltissimo» sul risultato delle ricerche. «Fino al 13 agosto - ricostruisce - non avevano ingrandito le immagini che dimostrano che già il 4 agosto Viviana Parisi era morta sotto il traliccio. Soltanto il geologo forense poi si è accorto di questa cosa il 20 agosto».

«Se il corpo fosse stato trovato prima, sarebbe potuto cambiare moltissimo e - ipotizza - non è escluso fosse possibile trovare anche Gioele e magari il bimbo poteva essere ancora vivo il giorno dopo. Penso che quello che è successo sia veramente gravissimo». In mattinata, prima della nota diffusa dalla Procura i legali di Daniele Mondello, il papà di Gioele, Pietro Venuti e Claudio Mondello hanno presentato «una querela contro ignoti per presunte omissioni» nella morte della madre e sulla scomparsa del figlio e su «eventuali ritardi nella loro ricerche». «Magari - osservano - qualcuno poteva aiutare Viviana e non l'ha fatto. Anche se, dopo, qualcuna l'ha avvistata tra le campagne di Caronia e non è intervenuto per darle aiuto. Poi vogliamo comprendere perché sono stati persi tanti giorni nelle ricerche e se ci sono stati ritardi. E nel caso, da cosa sono dipesi e da chi».



Su questo tema il procuratore Cavallo puntualizza che «le ricerche delle vittime, su tempistica e modalità, sono state coordinate dai organi competenti, diversi dalla Procura, e sono rimaste ben distinte dalle attività investigative giudiziarie finalizzate alla ricostruzione dell'intera vicenda». Resta ancora da chiarire la dinamica del giallo di Caronia. I legali delle famiglie Mondello e Parisi continuano escludere categoricamente l'ipotesi dell'omicidio-suicidio. Per loro resta in piedi la tesi «dell'incidente e della fatalità».






Non tralascia alcuna ipotesi, invece, la Procura di Patti che «sta proseguendo le indagini» con «riferimento ad ogni possibile dinamica dei fatti». Precisando che «non è mai stata data, né avrebbe mai potuto essere espressa da questo Ufficio, alcuna indicazione di probabilità su ipotesi da escludere o privilegiare, nemmeno nel momento iniziale delle indagini». Indagini, per omicidio e sequestro di persona a carico di ignoti, che «sono complesse», «ancora in corso» e «coperte dal segreto istruttorio».




Domani, alle 13.30, il procuratore di Patti conferirà domani «l'incarico per l'autopsia ed accertamenti genetici e morfologici di vario tipo ad un pool di esperti sui resti del piccolo Gioele». Oltre a due medici legali ci sono anche due zoologi e una geologa forense. Oggi è stato intanto assegnato dalla Procura di Patti una consulenza tecnica al professore Massimo Picozzi, docente di psichiatria alle università di Parma e Bocconi di Milano, che è un famoso criminologo che si è occupato di importanti casi di cronaca, «per acquisire informazioni precise sullo stato di salute mentale e psicologico» di Viviana Parisi «alla luce della documentazione medica acquisita». 

Nessun commento:

Posta un commento

Bimbo di 6 anni salva la vita al papà durante una rapina: morta la mamma colpita alla testa

  Un vero e proprio dramma familiare si è consumato a  Indianapolis , negli  Stati Uniti , dove  Jonathan  e  Wilma Hochstetler  sono stati ...