sabato 12 settembre 2020

La figlia è annegata nel fiume Adda, il papà si tuffa ogni mattina per cercare il corpo: «Non posso smettere»





Sua figlia Hafsa, di soli 15 anni, il primo settembre scorso è stata inghiottita dalle acque del fiume Adda a Sondrio, mentre tentava di attraversarlo per raggiungere una spiaggetta. Il suo corpo non è ancora stato trovato. 




Lui, il papà, il primo settembre era in Marocco. E da quando è tornato, ogni giorno va al fiume in bicicletta, si immerge e cerca la figlia. Una scena straziante, immortalata da un video pubblicato su facebook.




«Ho contattato i carabinieri per dire loro che io continuo a cercarla» ha detto il papà a 'La Provincia di Sondrio'. «Devo ringraziare i ricercatori, che sicuramente hanno fatto un buon lavoro - ha aggiunto l'uomo -, ma non sono riusciti a trovare mia figlia. E io non posso smettere di cercarla. Mi sto dando da fare per trovarla e spero che ci sia qualcuno che con buona volontà voglia mettersi a disposizione per aiutarmi. Io mi avvicino al fiume, a volte ci entro anche, rimanendo vicino alla riva. So nuotare bene e non voglio correre rischi, ma spero di trovare Hafsa, che magari è incagliata da qualche parte. O spero di essere lì quando il fiume la restituirà. Non posso rimanere a casa ad aspettare».





Gli è stato fatto presente che le ricerche sono pericolose, che il fiume è infido, anche se in questi giorni il livello dell'acqua è molto più basso rispetto a dieci giorni fa.
«Adda al Parco Bartesaghi: È pericolosissimo ma lui non accetta di uscire. Ho avuto paura - ha scritto su facebook l'uomo che ha girato il video, spiegando di averlo postato sperando che qualcuno aiuti questo padre disperato - Un familiare (sulla sponda con me) lo ha chiamato continuamente, ma invano. Temo per lui. Occorre convincerlo a desistere».






Le ricerche cosiddette «massive» sono terminate ormai da qualche giorno: è stato controllato l'intero fiume Adda da Sondrio sino al lago di Como, è stato anche svuotato il bacino di Ardenno, ma della ragazza nessuna traccia. In questi giorni, tuttavia, i vigili del fuoco, in gommone e a piedi, controllano comunque il fiume, gli anfratti, i luoghi in cui potrebbe essere rimasta incastrata.

Nessun commento:

Posta un commento

Eva scopre di avere il coronavirus dopo il parto della figlia prematura: «Sono viva per miracolo»

  Ha  scoperto di avere il covid  subito dopo aver messo al m ondo la sua bambina.