mercoledì 16 settembre 2020

«Ti spezzo le ossa e ti taglio con la forbice»: frasi choc all'asilo, maestra incastrata dalle telecamere





«Ti spezzo le ossa...ti taglio con la forbice»




E poi botte, schiaffi e sculacciate ai piccoli alunni di una classe di una scuola dell'infanzia di Nardò (Lecce) da parte di una maestra. Terribili epidosi di violenze continue e quotidiane confessate dai bimbi e denunciate dai genitori.




Segni e lividi sul corpo dei piccoli alunni e intercettazioni ambientali attraverso microspie e cimici piazzate dai carabinieri. Un corposo dossier di accuse che ha convinto il giudice per le indagini preliminari Michele Toriello a rinivare a giudizio I.F., 61enne maestra.




Schiaffi, sculacciate, maltrattamenti quotidiani raccontati da 27 piccole vittime: testimonianze entrate a far parte di un dossier che ha portato il giudice per le indagini preliminari la maestra oggi in pensione. L’ex insegnante si dovrà difendere in aula già il prossimo novembre.




Dal 27 febbraio fino all’11 aprile del 2019, i Carabinieri avevano ricostruito una mole di episodi che aveva convinto il giudice a sospendere la maestra.

Nessun commento:

Posta un commento

Uccide la moglie sparandole in strada e poi si toglie la vita: la coppia si stava separando

Uccide la moglie e poi si ammazza.  Omicidio-suicidio questa sera poco prima delle 19 in via Druento a Venaria, comune alle porte di  T...