giovedì 1 ottobre 2020

Bambino suicida a Napoli, parla l'esperto «Attenzione al tempo che i bambini passano in Rete. Navigano anche di notte»


 


Guido Orsi, criminologo e psicologo Ordine Psicologi del Lazio, è davvero possibile che tramite i social si spinga un bambino a togliersi la vita?
«Stiamo parlando di un undicenne e, a quell’età, si è più facilmente coinvolgibili dal punto di vista emotivo e non si hanno ancora tutte le capacità per comprendere pienamente certe situazioni. I siti esca giocano proprio sulla componente emozionale».



Ci sono segnali che possono indicare una situazione a rischio?
«Il primo è sicuramente il tempo trascorso in Rete. I genitori dovrebbero sempre tenerlo sotto controllo, specie di notte. Si sottovaluta la navigazione attraverso i telefonini, eppure è proprio via cellulare che molti adolescenti stanno in Rete fino a tardi. L’età li rende più suggestionabili. La stanchezza abbassa le difese. Perdono la cognizione del tempo e di quello che stanno facendo. A questo indicatore, si aggiungono il nervosismo e la “corsa” al web appena finito di mangiare. Sono sintomi di dipendenza».
Ha detto che si può perdere la cognizione di ciò che si sta facendo: ci si può anche gettare da un palazzo credendo non sia reale?
«Purtroppo sì, si può entrare in una situazione dissociativa e si può non essere in grado di capire ciò che sta accadendo».

Nessun commento:

Posta un commento

Napoli, disoccupata con 4 figli non ha soldi per pagare il medico e gli dona una collanina: lui le trova un lavoro

  "Io di mortificazioni campo tutto il giorno, ma questo lo dovete accettare". Con questa frase Anna ha saldato il "conto&quo...