sabato 21 novembre 2020

Contattava bimbi su Fortnite per poi farsi inviare foto pedopornografiche: preso 17enne


 

Contattava i bambini su Fortnite e li convinceva a inviargli immagini pedopornografiche. Un diciassettenne ha adescato dei bambini via internet e li ha convinti a produrre immagini a contenuto pedopornografico. È quanto ha scoperto la polizia nel Torinese.


L'indagine, cominciata lo scorso luglio, è stata svolta dagli investigatori del commissariato di Rivoli (Torino) in collaborazione con i colleghi delle polizie postali del Piemonte e del Veneto. A partire dalla scorsa primavera, durante il primo lockdown, il giovane ha utilizzato la piattaforma Fortnite per contattare i bambini per poi spostare la comunicazione su Tik-Tok, Instagram e Whatsapp. È stata la mamma di uno dei bambini (che hanno poco più di dieci anni) a presentare la denuncia che ha dato il via agli accertamenti.

 



Della posizione del diciassettenne ora si occupa il tribunale per i minorenni di Torino. Il fascicolo è aperto per pornografia minorile e adescamenti di minorenni in forma continuata, Il giovane si serviva del popolare videogioco Fortnite per contattare i bambini presentandosi come un normale compagno di giochi. Dopo averne carpita la fiducia, li convinceva a produrre le immagini (con i cellulari) dalle loro camerette in cambio di denaro o ricariche telefoniche, senza esitare a ricorrere alle minacce in caso di rifiuto. Perquisizioni eseguite nel Torinese e nel Veneto hanno portato al recupero di un ingente quantitativo di materiale.

Nessun commento:

Posta un commento

Ragusa, in carcere l’uomo che aveva ritrovato il neonato nella spazzatura, è il padre

S volta nelle indagini sul bambino abbandonato nella spazzatura.