lunedì 2 novembre 2020

Nuovo Dpcm, coprifuoco alle 21 o 22 in tutte le regioni. Chiusura scuole di secondo grado con didattica a distanza



Con il nuovo dpcm in arrivo nelle prossime ore si dovrebbe arrivare ad un coprifuoco nazionale alle 21.

La decisione sarebbe emersa dalla riunione del premier Giuseppe Conte con i capidelegazione. 

Tra le altre misure che potrebbero entrare lo stop alla mobilità tra le regioni, la chiusura dei musei e la chiusura dei centri commerciali nel weekend. Il premier, scrive Il Sole 24 Ore, sarebbe contrario ad un coprifuoco nazionale perché preferirebbe ‘zone rosse’ individuate sulla base della diffusione del virus: nelle prossime ore ne sapremo di più.


NODO RISTORANTI Questa mattina Conte ha incontrato di nuovo i capi delegazione dei partiti che sostengono il suo governo. Sul tavolo l'ipotesi di un 'coprifuoco' su tutto il territorio nazionale alle 21 o alle 22 (l'orario è ancora in corso di valutazione). Al centro della discussione anche una possibile chiusura dei ristoranti la domenica, scelta contro la quale si è espressa la ministra delle Politiche Agricole Teresa Bellanova, ribadendo la posizione di Italia Viva sul tema. 


La stessa Bellanova si è detta favorevole a un coprifuoco non prima delle 22. Al momento è in corso la riunione in videoconferenza tra governo e rappresentanti di Regioni, Anci e Upi. Sono presenti il ministro per gli Affari regionali Francesco Boccia e il ministro della Salute Roberto Speranza. In collegamento anche la Protezione Civile e il commissario straordinario per l'emergenza Coronavirus Domenico Arcuri. 

 


STOP SCUOLA IN PRESENZA Il sottosegretario al Ministero del Lavoro Francesca Puglisi a Start su SkyTg24 ha poi indirettamente confermato l'ipotesi di coprifuoco alle 21 e di stop alle lezioni a scuola in presenza per le superiori: «Purtroppo dobbiamo sacrificare la didattica in presenza, modificandola in didattica a distanza, per tutte le scuole di secondo grado e si sta discutendo in queste ore se farlo anche per la terza media», le sue parole.



«Gli interventi saranno uniformi, poi, come scritto nel precedente Dpcm, nella propria autonomia ciascun ente locale può prevedere anche restrizioni ulteriori. Le restrizioni saranno nazionali, poi magari c'è anche la volontà di fare una distinzione tra quelle regioni che hanno già superato l'Rt 2 da quelle che hanno indici più bassi. Ma le misure saranno nazionali, come per esempio il coprifuoco alle 21 per tutto il territorio nazionale».

Nessun commento:

Posta un commento

Uccide il figlio di un mese mentre gioca alla playstation, poi chiama la moglie e confessa

Uccide il figlio  di poco più di un  mese  mentre  gioca con la PlayStation.