venerdì 25 dicembre 2020

Bonus bebè 2021, le scadenze da rispettare. Va presentato il rinnovo Isee per calcolarlo


 


L’Inps ha inviato un promemoria a tutti i genitori che hanno ottenuto l’assegno di natalità nel corso del 2020: per confermarlo anche il prossimo anno è necessario che venga compilata, entro il 31 dicembre, la Dichiarazione Unica Sostitutiva per poi calcolare correttamente le somme dovute.


Con l’approvazione della Manovra economica, arriverà anche la conferma del Bonus bebè per il 2021. Una misura che non si sa ancora se spetterà per l’intero anno o se, come previsto dal progetto di legge sull’avvio per l’assegno unico per i figli, sarà abolito e accorpato nel nuovo strumento di sostegno universale per le famiglie. Tuttavia, anche se la domanda si presenta una sola volta, l’Inps ha inviato un promemoria a tutti i genitori che hanno ottenuto l’assegno di natalità nel corso del 2020: è necessario infatti rinnovare l’Isee a partire dall’1 gennaio per calcolare correttamente le somme a cui si ha diritto.


Quindi, visto che l’Isee utile per calcolare il Bonus bebè scade il 31 dicembre di ogni anno, per i beneficiari a cavallo tra due o più anni è necessario entro quella data rinnovare la Dsu, Dichiarazione Sostitutiva Unica, per ogni anno in cui si riceve l’assegno di natalità. L’Inps ricorda che chi non presenta la Dsu aggiornata riceve l’importo minimo pari a 80 euro, 96 euro in caso di secondo figlio o seconda figlia.



Tutti coloro che sono diventati o diventano genitori, anche adottivi, nel 2020 hanno avuto o avranno la possibilità di ottenere il Bonus bebè così come delineato dalla Legge di Bilancio dello scorso anno. Viene dunque versato un assegno di natalità fino al compimento del primo anno di età o del primo anno di ingresso in famiglia a seguito dell’adozione. Il beneficio viene riconosciuto anche in assenza di Isee in corso di validità in misura minima a patto che siano rispettati tutti gli altri requisiti. Questo requisito è valido fatta salva la possibilità di effettuare eventuali integrazioni a seguito di successiva presentazione dell’Isee. Inoltre va ricordato che, dal momento che il beneficio dura un anno a partire dalla nascita o dall’adozione, le regole previste per il Bonus bebè riconosciuto nel 2020 hanno necessariamente una ricaduta anche nel 2021.



Nessun commento:

Posta un commento

Nasce senza braccio e con la mano palmata ma per mamma Rosie: “Mio figlio è perfetto”

  Nasce senza braccio e con una mano palmata, ma la  mamma orgogliosa  dice che si tratta di un figlio perfetto.