venerdì 19 febbraio 2021

Lombardia ancora in zona gialla. Tre regioni diventano arancioni, ecco quali.





L'Istituto superiore di Sanità ha diramato una nota sui numeri principali dell'epidemia di coronavirus emersi dal monitoraggio settimanale.

E i numeri non sono buoni: nel periodo che va dal 27 gennaio al 9 febbraio infatti l'RT medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,99 (range 0,95-1,07), in crescita rispetto alla settimana precedente e con un limite superiore che comprende l'uno.


Inoltre l'incidenza dei casi Covid in Italia a livello nazionale nella settimana di monitoraggio cresce rispetto alla settimana precedente: 135,46 per 100.000 abitanti (8-14 febbraio) contro 133,13 per 100.000 abitanti del periodo 1-7 febbraio (dati flusso ISS), «lontana da livelli (50 per 100.000) che permetterebbero il completo ripristino sull'intero territorio nazionale dell'identificazione dei casi e tracciamento dei loro contatti».


Intanto nel pomeriggio di oggi il ministro Roberto Speranza dovrebbe firmare la nuova ordinanza con le Regioni divise in fasce. 


E secondo quanto afferma il Corriere della SeraLazio e Lombardia dovrebbero rimanere gialle. «L'Rt del Lazio è a 0.95, aspettiamo le decisioni ma tecnicamente i dati sono da zona gialla», ha affermato l'assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D'Amato, a margine della celebrazione dedicata dall'Ordine dei medici di Roma agli operatori caduti per Covid con una targa dedicata.


Il Molise invece, scrive Repubblica, dovrebbe diventare arancione, così come Emilia Romagna - dove l'assessore alla Salute Donini ieri ha criticato il sistema dei colori - e la Campania, dove c'è stato un costante aumento dei casi. Le Regioni già arancioni erano Abruzzo, Toscana, Liguria e Provincia di Trento.

Nessun commento:

Posta un commento

«Volevo un cesareo, ma mi hanno mandata a casa», bimba muore nella pancia della mamma

  Un dolore incolmabile quello di questa coppia, una mamma e un papà che hanno  perso la loro bambina  prima ancora che nascesse.