venerdì 29 aprile 2022

Ragazzo 14enne accusato di aver violentato e ucciso la cuginetta di 10 anni


 


Il ragazzino di 14 anni sospettato di aver violentato e ucciso nel Wisconsin la cuginetta di 10 anni Lily Peters, è figlio di un uomo condannato per pedopornografia. 


Adam B., 37 anni, riporta il Daily Mail, ha trascorso tre anni in prigione dopo essere stato catturato con una scorta di immagini pornografiche di ragazzine in età prepuberale sul suo telefono. Suo figlio ora rischia una condanna all'ergastolo dopo essere stato accusato di tre capi di imputazione per la morte di Lily: omicidio intenzionale di primo grado, violenza sessuale di primo grado e violenza sessuale di primo grado su un bambino. 



Il corpo di Lily è stato scoperto lunedì mattina vicino a un sentiero nel bosco, dopo che suo padre aveva denunciato la scomparsa la notte prima. Secondo l’accusa, il ragazzino che ora si trova nel carcere di Eau Claire, nel Wisconsin, avrebbe pianificato di «stuprare e uccidere la vittima fin dall'inizio quando hanno lasciato la casa per seguire il sentiero». Il procuratore distrettuale della contea di Chippewa Wade Newell ha aggiunto: «Ha preso a pugni la vittima allo stomaco, l'ha fatta cadere a terra, l'ha strangolata, l'ha colpita con un bastone, prima di strangolarla fino ad ucciderla, prima di aggredirla sessualmente». Come confermato dall'autopsia.



DailyMail.com riporta che Adam B. vive in una casa di cura a Eau Claire dopo essere stato rilasciato dalla prigione di Oshkosh nell'aprile 2021. Rimane in libertà vigilata ed è nel registro degli autori di reati sessuali. Per ora non può vedere senza supervisione il figlio, che in una lettera ha descritto come «la parte migliore di me». Per riguadagnare questo privilegio con i suoi avvocati stava tentando di perorare la causa sostenendo che il bambino non sorrideva mai e sembrava infelice in compagnia di sua madre. Secondo la nonna, la reclusione del padre ha mandato in frantumi la vita del bambino.




L'uomo ha detto di aver inviato dal carcere ogni giorno una e-mail al figlio, di avergli parlato regolarmente mentre era con sua nonna e di avergli spedito una coperta all'uncinetto che aveva fatto in prigione. Ha raccontato che sognava un futuro con suo figlio, aggiungendo che voleva un contatto senza supervisione con suo figlio perché "non è una vittima". La mozione è stata respinta ma non è chiaro se abbia visto suo figlio durante la libertà vigilata dopo il rilascio avvenuto nell'aprile dello scorso anno.

Nessun commento:

Posta un commento

I terribili due anni: come affrontare le crisi isteriche dei bambini

  I due anni costituiscono una piccola adolescenza in cui il bambino inizia a esplorare il suo carattere e richiedere autonomia, cosa che sp...