giovedì 28 aprile 2022

Roma, torna in classe (in una nuova scuola) il bimbo autistico deriso in chat dalle insegnanti


 


È tornato in classe, in una nuova scuola, il bimbo con disturbo dello spettro autistico deriso in chat dalle insegnanti. 



A darne la notizia è stata l'assessora alla scuola del comune di Roma Claudia Pratelli, con un post pubblicato sul suo profilo Facebook «Oggi Luca (nome di fantasia) è tornato a scuola! È stato il suo primo giorno in una nuova struttura comunale».



L'assessorato capitolino si era subito attivato, su richiesta della mamma per consentire al piccolo di tornare a scuola in un clima di serentà, in collaborazione con il municipio.



All'inizio del mese di aprile la mamma aveva denunciato l'esistenza di una chat creata ad hoc da tre maestre per deridere e umiliare il piccolo. «La sua vicenda ci aveva colpito e ferito» scrive l'assessora Pratelli «Da subito abbiamo lavorato per trovare una nuova classe che consentisse a Luca di tornare velocemente e serenamente a scuola e contemporaneamente dare certezza e fiducia alla famiglia» ha scritto Pratelli su Facebook, rimarcando che «La scuola è e deve sempre essere un luogo di accoglienza e inclusione. Sempre»



Pratelli ha poi ringraziato anche l'assessora municipale Cecilia Fannunza «Che da subito si è messa a disposizione per una pronta soluzione, le educatrici per l'accoglienza, l'Ufficio scolastico regionale e tutti gli attori che hanno dato il loro supporto, a partire dall'Associazione La Battaglia Di Andrea». 




Pratelli ha poi ringraziato anche l'assessora municipale Cecilia Fannunza «Che da subito si è messa a disposizione per una pronta soluzione, le educatrici per l'accoglienza, l'Ufficio scolastico regionale e tutti gli attori che hanno dato il loro supporto, a partire dall'Associazione La Battaglia Di Andrea». 

Nessun commento:

Posta un commento

I terribili due anni: come affrontare le crisi isteriche dei bambini

  I due anni costituiscono una piccola adolescenza in cui il bambino inizia a esplorare il suo carattere e richiedere autonomia, cosa che sp...