domenica 27 agosto 2023

Giulia Tramontano, la ricerca choc di Impagnatiello: «Come uccidere un feto col veleno»


 


Frasi agghiaccianti. 


Prima di uccidere Giulia Tramontano e Thiago, il bimbo che portava in grembo, il presunto assassino Alessandro Impagnatiello aveva affidato al web le sue intenzioni malvagie. «Come uccidere una donna incinta con il veleno» e «come avvelenare un feto», sono alcune delle frasi svelate dagli inquirenti che stanno costruendo l'impianto accusatorio nei confronti dell'uomo che avrebbe ucciso la donna e suo figlio con 39 coltellate, scrive Il Giorno.



Ma prima dell' aggressione,Impagnatiello avrebbe ipotizzato un modo meno cruento, ma altrettanto diabolico per uccidere Giulia e quello che da lì a poche settimane, sarebbe stato suo figlio, Thiago.

Secondo i magistrati, infatti, nel computer del barman ci sono tracce inequivocabili della sua volontà omicida.



Le ragioni, invece, sono ancora da decifrare. Intanto prosegue il lavoro dei medici legali, che su incarico della procura milanese, stanno cercando quelle risposte che andranno a completare il quadro delle accuse nel processo nei confronti di Impagnatiello.



Nelle prossime settimane, infatti, i periti dovranno stilare la relazione sul presunto utilizzo del veleno, che l'uomo avrebbe somministrato alla sua compagna, e che sarebbe stato assorbito anche dal feto, aggravando le accuse con l'ipotesi della premeditazione dell'omicidio. Altro nodo da sciogliere, riguarda il sospetto che ad aiutare Impagnatiello ci fossero altre persone; sotto il cellophane che avvolgeva il corpo di Giulia, infatti, è stato isolato e prelevato un capello su cui i carabinieri del Ris di Parma eseguiranno il test del Dna, per escludere la presenza di un'altra persona insieme all'omicida. Gli investigatori, comunque, hanno escluso che la madre di Impagnatiello abbia aiutato suo figlio.



Gli esami, però, vanno oltre il Dna del capello, perché gli inquirenti intendono fare luce anche sul momento esatto della morte di Giulia; se dopo la prima coltellata o le successive, un dettaglio macabro, ma che servirà per delineare ed aggiungere l'aggravante della crudeltà nell'omicidio.

Nessun commento:

Posta un commento

Bambino di 11 mesi bruciato vivo da un'improvvisa esplosione del termosifone: travolto dal vapore mentre dormiva nella culla

Un  bambino  di soli 11 mesi è morto in seguito a un drammatico incidente mentre si trovava a casa con la mamma e le sorelline gemelle nate ...