domenica 29 dicembre 2019

Sindrome del bambino scosso o Shaken Baby Syndrome.Un fenomeno poco conosciuto,ecco di cosa si tratta



Ecco di cosa si tratta.
Tale abuso, dovuto ad uno scatto di rabbia esagerata da parte dell’adulto che accudisce il neonato/a, può provocare conseguenze anche molto gravi, che possono condurre anche alla morte del bambino.


La prevenzione di tale grave problematica è fondamentale non solo perché alla base ci sono quasi sempre situazioni di solitudine e di forte stress, ma anche perché i genitori sono spesso inconsapevoli del danno che stanno arrecando scuotendo il bambino per cercare di far cessare il pianto del piccolo. Benchè le dimensioni del fenomeno siano difficili da delineare, perché spesso sottostimate e sottovalutate, si ritiene comunque che riguardino 2-3 neonati su 10.000, di cui una parte non esigua ha esiti mortali o neurologici permanenti.
Il fattore che fa scattare la reazione impulsiva dell’adulto è in genere il pianto reiterato del bambino, che non si riesce a placare in alcun modo e che fa aumentare il carico di stress emotivo, in un crescendo che può culminare nel gesto estremo dello scuotimento. Non c’è la volontà inconscia e dichiarata di fare del male, l’adulto non è consapevole dei possibili gravi danni che può arrecare al piccolo, di solito si tratta di genitori emotivamente fragili, impulsivi, con problematiche varie, ma il fattore di rischio determinante è la solitudine di questi neo-genitori, spesso lontani dalle famiglie d’origine, senza sostegno soprattutto da un punto di vista pratico.


sintomi del neonato scosso sono variabili e spesso all’inizio aspecifici, così da rendere difficile la diagnosi, e vanno dalla mancanza di appetito, con pallore ed assenza del sorriso accompagnato da alterazioni del tono dell’umore (neonato soporoso o irritabile), sino a sintomi quali convulsioni, con perdita di coscienza ed arresto del respiro.
Il paradosso è che il genitore (o i genitori), inconsapevole della gravità di ciò che ha fatto, si reca dal pediatra o in pronto soccorso perché si rende conto che il piccolo non sta bene, e da lì parte il sospetto diagnostico con le opportune verifiche diagnostiche (esami del sangue, Tac, Risonanza, ecc). Nel caso di conferma dello scuotimento del piccolo, il personale sanitario ha l’obbligo di segnalare il caso alla Procura presso il Tribunale dei Minori.


Le conseguenze dipendono naturalmente dal tipo e dall’intensità del maltrattamento, potendo essere anche molto gravi in funzione della maggior fragilità e vulnerabilità degli organi ed apparati del neonato, primo tra tutti il cervello, che è contenuto in una scatola cranica ancora in fase di crescita: infatti l’ondeggiamento ripetuto della testa e del collo a causa dello scuotimento può provocare lesioni cerebrali con deficit non solo cognitivi e motori, ma anche oculari per le emorragie retiniche profonde che vengono a determinarsi appunto per lo scuotimento ripetuto e violento.


La prevenzione della sindrome da scuotimento prevede di non lasciare da sole le famiglie, intervenendo con le figure sanitarie che usualmente ruotano intorno alla famiglia: l’ostetrica, il medico di famiglia, il pediatra. Anche le figure parentali (prima fra tutti la neo‐nonna materna, ma anche eventualmente sorelle, zie…) ed amicali giocano un ruolo fondamentale nel fornire aiuto pratico alla mamma che può così ritagliare qualche spazio per sé per distrarsi e scaricarsi dallo stress accumulato.


E’ importante anche che durante gli incontri di preparazione al parto si insegni a maneggiare i neonati con delicatezza, soffermandosi sul fatto di quanto sia importante che nei primi mesi di vita la testa vada sempre sostenuta, evitando ondeggiamenti o scatti all’indietro o in avanti.

Nessun commento:

Posta un commento

Mamma evira il figlio di un anno e fugge di casa, il bambino in condizioni gravissime

  Taglia i genitali del figlio  di appena  un anno  e fugge. Winnie Mutheu è fuggita dalla sua casa nel villaggio di  Kamandura, in Kenya , ...