domenica 26 luglio 2020

Bonus figli a carico: cos’è e come funziona




Approvato finalmente alla Camera, il testo per il Bonus figli a carico, attende solo l’ok (formale) dal Senato: famiglie e contribuenti potranno usufruire di questa nuova agevolazione entro 12 mesi.



Addio alle vecchie detrazioni

Nella giungla di detrazione a sostegno delle famiglie, si inizia a vedere la luce: ecco che entro un anno, infatti, sarà possibile usufruire dell’assegno unico universale.
Andranno in pensione, quindi, tutte le detrazioni attive fino ad oggi, quali il Fondo assegno universale e servizi alla famiglia, l’assegno per il nucleo familiare dei Comuni, l’assegno di natalità, il premio alla nascita, il fondo di sostegno alla natalità.


Bonus figli a carico: cos’è e come funziona

Il nuovo assegno unico e universale renderà più facile la vita di molti contribuenti. A differenza delle “vecchie” agevolazione, il Bonus figli a carico è un vero e proprio assegno incassabile in contanti ogni mese o attraverso il credito d’imposta. Addio alle complesse detrazioni, che rendevano impossibile l’utilizzo per tutti coloro che non erano tenuti alla compilazione del 730.
L’assegno spetterà a tutte le famiglie con figli a carico fino ai 21 anni di età.


La cifra dovrebbe aggirarsi tra i 200 e i 250 euro e sarà modulata su una quota base, alla quale verrà aggiunta una percentuale calcolata sulla base dell’ISEE famigliare. L’importo dovrebbe aumentare tra il 30 e il 50% in caso di figli con disabilità (in questo caso, il diritto all’assegno non decade con il compimento del 21 anno di età) o con la nascita del terzo figlio.
Novità è il sostegno dei ragazzi nel loro percorso verso l’autonomia, con la possibilità di erogare direttamente a loro l’assegno a partire dal 18 anno di età.

Nessun commento:

Posta un commento

L'allarme dell'OMS sugli sciroppi per la tosse dopo la morte di 66 bambini. Cosa succede?

Scatta l' allarme  dell'Organizzazione mondiale della Sanità. Dopo la morte di ben 66 bambini in Gambia, l'Oms ha aperto un'...