mercoledì 23 settembre 2020

Marito dice alla moglie incinta che “spera che muoia” e che “sanguini a morte” quando la vede in ospedale





“Gli ho detto che ci stavo provando, ma lui non sa come sia, non era lì nelle due settimane in cui ho sofferto in ospedale e non ha assistito a quello che è successo al bambino,” sono le parole di una neomamma che ha condiviso la sua storia su Reddit.


Erano passate soltanto poche settimane dalla nascita del suo terzo figlio e, nonostante provasse molto dolore, sperava che suo marito capisse che stava attraversando un momento difficile. Aveva mal di schiena ed era molto stanca.


Sfortunatamente però, questa mamma non ha ricevuto empatia da suo marito, anzi. L’uomo non era al suo fianco nemmeno nei momenti difficili dopo il parto. La donna ha trascorso le prime due settimane senza il marito.


La mamma ha rivelato su Reddit che il marito ha dovuto fare moltissimo a casa durante la gravidanza e come si è sentita dopo il parto che l’ha messa in pericolo di vita. Una notte l’uomo ha avuto un crollo.


“Stasera abbiamo litigato perché devo fare di più in casa,” ha scritto la donna su Reddit.

“Gli ho detto che ci stavo provando, ma lui non sa come sia, non era lì nelle due settimane in cui ho sofferto in ospedale e non ha assistito a quello che è successo al bambino.”


“Ha iniziato a urlare e così gli ho detto tutto in faccia,” ha aggiunto la neomamma.


“So che non era colpa sua se non poteva venirci a trovare, ma ho solo cercato di spiegare quello che stavo passando. Poi ha iniziato a dire che probabilmente stavo fingendo perché le altre volte che avevamo avuto figli ero tornata ad essere me stessa.”



Anche se l’uomo non era lì nelle due settimane successive al parto, la donna ha sottolineato che per lui fosse impossibile sapere quanto fosse dura. Ciò ha fatto crollare il marito.

“Era lì mentre io soffrivo poi si è precipitato in sala operatoria perché rischiavamo entrambi di morire,” ha detto la donna su di lei e il bambino.


Nella stanza è calato il silenzio per alcuni secondi dopo che la donna ha fatto notare che avevano rischiato di morire. A quel punto l’uomo l’ha guardata e le ha detto: “Vorrei che fossi morta in quel letto. Speravo sanguinassi a morte.”


Sconvolta da quanto appena sentito, la mamma è andata dai bambini. Aveva bisogno di tempo per digerire ciò che le aveva appena detto il marito, il padre dei suoi figli.


Una volta tornata in camera, l’uomo era sdraiato sul letto e le ha detto che non intendeva dire quelle cose.

“Ho cercato di perdonarlo, ma mi ha detto che potevo andare all’inferno, lui avrebbe dormito. Poi mi ha ignorato,” ha detto la moglie mentre piangeva.


Anche se vuole essere una buona madre, ha scritto: “Il mio corpo non mi permette di farlo”. Disperata ed esausta, si è rivolta a Reddit per chiedere consiglio agli utenti.Un utente che si chiama RoseGoldHopes ha detto che le parole usate dal marito non potevano essere dette con affetto.

“Non è qualcosa che si dice per stress o rabbia,” ha detto l’utente. “Non so come si possa andare avanti dopo certe parole. O prendi i bambini e vai dai tuoi genitori o fai in modo che un amico intimo rimanga con te.”


Un altro utente, MainstreamMolly2, ha detto: “Io non sarei pronta a perdonarlo. Quello che ha detto è disgustoso. Ha letteralmente rovinato il tuo matrimonio. Non è colpa tua, non l’hai causato tu. Una persona normale aiuterebbe sua moglie e i suoi figli. Se vuoi andare avanti nella relazione, il minimo sarebbe un terapista di coppia. Personalmente cercherei soluzioni alternative.”

“Il tuo corpo non ti permetterà di essere una buona madre? Non credo. Mi dispiace ma il tuo corpo va benissimo,” ha scritto CAgirl17.


“Tu non hai fatto altro che mettere al mondo un bambino. Il problema qui è tuo marito. Come osa? Non devi fare nulla per risolvere questo problema, quello che ti serve è il supporto. Non importa quanto uno sia stanco o arrabbiato, non ci sono scuse per quello che ha detto. Non credo che riuscirei a sopportare che mio marito mi dicesse cattiverie tali, lo vorrei fuori dalla mia vita. Insomma, la terapia è un inizio, ma sta a lui sistemare le cose, non a te.”

Nessun commento:

Posta un commento

Tragedia familiare: madre uccide a martellate la figlia di 3 anni dopo aver preso un cocktail di antidepressivi

  Uccide a   martellate la figlia di tre anni , dopo aver ingerito diversi  antidepressivi , e poi tenta il suicidio . Una giovane mamma si ...