mercoledì 4 novembre 2020

Droga e uccide le sue gemelline di 7 anni durante il sonno, poi si toglie la vita


 


Una donna si è suicidata dopo aver tolto la vita alle sue figlie, drogate con enormi quantità di sedativi. Stava affrontando una disputa per il loro affidamento.



Ha drogato le figlie con una importante quantità di sedativi prima di ucciderle con un’arma da fuoco e togliersi la vita in quello che è stato definitivo un gesto premeditato e pianificato. È agghiacciante quanto accaduto a Mairy Anneleise e Katie Elizabeth, due bimbe uccise dalla madre Michele Boudreau Deegan che ha dato loro una grande quantità di sedativi prima di toglier loro la vita e suicidarsi. I fatti sono avvenuti il 24 ottobre scorso quando i soccorritori sono intervenuti, allertati da una telefonata con richiesta di aiuto. Una prima indagina ha rivelato che la donna era coinvolta in una disputa per l’affidamento dei bambini con il marito, dal quale era separata. Il duplice omicidio è avvenuto quattro giorni dopo la decisione di un giudice di concedere l’affidamento congiunto alla donna e al suo ex partner, il cui coinvolgimento nell’assassinio è stato escluso in quanto persona totalmente estranea ai fatti.


La 55enne era una psicologa di Washington e avrebbe fatto addormentare le due figlie gemelle di 7 anni con numerosi sedativi: un omicidio che aveva programmato da giorni, come confermato dalla polizia. I risultati dell’autopsia hanno confermato che la donna ha dato alle figlie enormi quantità di sedativi per renderle incoscienti prima di ucciderle, come confermato dall’ufficio dello sceriffo della contea di Whatcom. Una tragedia che, ha sottolineato, “ha avuto un profondo impatto sulla nostra comunità” e solo per tale motivo le autorità hanno deciso di fornire alcuni dettagli sull’indagine, ancora in corso, legata all’omicidio-suicidio. Gli amici della donna hanno spiegato che lei adorava i suoi figli ma che soffriva di problemi di salute mentale. Lo sceriffo Bill Elfo ha sottolineato: “Ha pianificato il duplice omicidio nei dettagli, ha dichiarato apertamente le sue idee suicide e che non avrebbe mai lasciato le figlie sole senza di lei”.

Nessun commento:

Posta un commento

Marta la bimba di Palermo morta durante l'ora di educazione fisica avrebbe avuto un malore improvviso

Palermo, una città sotto shoc per la scomparsa della piccola Mara di soli 10 anni, morta durante l'ora di educazione fisica.