martedì 3 novembre 2020

Nasconde la figlia di 6 mesi nell'armadio con lo scopo di farla morire di fame. Il fratello le porta gli avanzi di cibo di nascosto




Una madre senza cuore ha cercato di orchestrare la morte lenta e dolorosa della sua stessa figlia facendola morire di fame.

La piccola Katya è stata trovata per puro caso quando un’amica della madre si è incuriosita perché sentiva un pianto provenire da una stanza della casa.


La madre della piccola, identificata come Yulia, di anni 37, ha nascosto al mondo la nascita della sua terza figlia. Katya è frutto di una relazione che la madre ha avuto con un uomo sposato subito dopo aver interrotto il suo matrimonio. La polizia ha rivelato che Yulia non è mai andata in ospedale neanche per una visita, né prima né dopo la nascita di Katya.


Chiunque andasse a trovare Yulia nella sua casa in Russia non avrebbe mai potuto capire che da qualche parte c’era un neonato. Non c’era una culla né vestitini da nessuna parte. Yulia non si è preoccupata neanche del cibo. La madre teneva la bambina all’interno di una borsa sportiva e la borsa la metteva dentro un armadio in una stanza della casa, ha rivelato Mirror.



“Voleva uccidere la bambina ma alla fine non ha avuto cuore di farlo,” ha rivelato una fonte a The Sun. “Ha pensato che magari la bambina sarebbe morta di fame. È stata trovata per puro caso.”


L’unica altra persona in casa che sapeva dell’esistenza della bambina è il figlio tredicenne di Yulia. Il giovane dava segretamente da mangiare alla sorellina per mantenerla in vita. Un’amica di famiglia ha affermato che Yulia minacciava il figlio se avesse detto a qualcuno della sorella. E quindi non c’era molto che potesse fare a parte darle ogni tanto qualcosa da mangiare.


I mesi passavano e Katya viveva in condizioni disastrose. Finché, a casa di Yulia si è tenuta la festa di compleanno per i 13 anni di suo figlio. È così che un’amica di Yulia ha trovato per puro caso la piccola Katya, 6 mesi.



“La madre stava bevendo con un’amica che le ha chiesto come mai una stanza della casa fosse sempre chiusa,” ha rivelato una fonte. “Una donna che era lì per la festa ha sentito un pianto sommesso e ha chiesto alla madre di che si trattasse. ‘Credo sia una bambola che c’è là, piange da sola,’ le ha risposto Yulia. Un’amica andata a fumare una sigaretta durante la festa ha deciso di controllare quella stanza. Ha aperto l’armadio, visto la borsa e trovato la bambina.”


La polizia è stata informata del ritrovamento e degli agenti si sono subito recati a casa di Yulia dove hanno trovato la bambina. Era tutta pelle e ossa, sopravvissuta per mesi soltanto con acqua e alcuni avanzi che le portava il fratello maggiore.


Valery Gorelykh, portavoce della polizia di Sverdlovsk, è stata citata dal Daily Mail: “È difficile credere a questa storia orribile. Ma per quanto sia difficile dirlo, purtroppo è vero.”


Una volta trovata, Katya è stata portata in ospedale in elicottero. I dottori della terapia intensiva hanno affermato che la bambina era gravemente malnutrita.


Quando si è diffusa la notizia, un’amica di famiglia ha detto: “Le persone che conosco Yulia fanno fatica a credere che lo abbia fatto.”


Quando hanno trovato la bambina Yulia è stata arrestata ed ora è sotto accusa per aver “torturato la figlia”. Secondo il Mirror, le forze dell’ordine hanno rivelato che Yulia verrà esaminata da una clinica psichiatrica. Se verrà condannata per aver torturato la figlia, potrebbe dover scontare fino a sette anni di prigione.



Nessun commento:

Posta un commento

Ragusa, in carcere l’uomo che aveva ritrovato il neonato nella spazzatura, è il padre

S volta nelle indagini sul bambino abbandonato nella spazzatura.