giovedì 28 aprile 2022

Bullo dà fuoco a un bambino di 6 anni. La famiglia mostra le foto (strazianti) dall'ospedale: «Il mondo deve sapere»


 


Una storia assurda di bullismo. 



I genitori del piccolo Dominick Krankall hanno deciso di mostrare le strazianti foto che ritraggono il bambino di 6 anni, del Connecticut, coperto di ustioni e bende in ospedale: il piccolo è stato letteralmente dato alle fiamme da un bullo in una terribile aggressione avvenuta domenica 25 aprile. La maggior parte del corpo di Dominick è gonfio e fasciato dopo che il ragazzo di Bridgeport ha subìto ustioni di secondo e terzo grado al viso e alle gambe.



La sorella del ragazzo, Kayla Deegan, ha raccontato che suo fratello stava giocando nel cortile della loro casa nel pomeriggio con altri bambini che vivono nel quartiere. «Non appena è sceso le scale, il bullo ha chiamato il suo nome e l'ha attirato dietro l'angolo, e in pochi secondi è tornato davanti casa urlando:  Mamma, mi hanno dato fuoco», haspiegato la ragazza alla NBC New York. «Quello che ha fatto è stato versare benzina su una pallina da tennis, prendere un accendino, accenderlo e lanciarlo direttamente in faccia a mio fratello, poi è scappato e lo ha guardato bruciare», il terribile racconto.



Dominick è stato portato d'urgenza al reparto ustionati del Bridgeport Hospital. I funzionari dell'ospedale hanno assicurato che il bambino dovrebbe riprendersi. Per quanto sia stato fortunato ad essere sopravvissuto all'incidente, ciò che è accaduto ha lasciato i suoi cari sotto choc. Il piccolo, tra l'altro, era già stato preso di mira. «Due mesi fa era stato spinto contro un muro», ha detto ancora la sorella. La polizia ha aperto un'indagine sull'accaduto. La famiglia Krankall pretende giustizia e anche per questo ha deciso di rendere pubbliche le foto del bimbo in ospedale: «È straziante, è disgustoso. Vogliamo che queste foto siano viste ovunque in modo che tutti conoscano la storia di Dom e cosa ha dovuto passare», ha concluso Kayla Deegan. I segni il ragazzino li porterà a lungo.

Nessun commento:

Posta un commento

Bimbo giù dal balcone, la babysitter «deve essere processata». Per i periti non c'è vizio di mente

  Monica Santi, la babysitter carpigiana che il 31 maggio a Soliera, in provincia di Modena, ha gettato dalla finestra il bambino di 13 mesi...