domenica 1 maggio 2022

L'errore grave da non commettere con i vostri bambini quando fa caldo

 


In estate, molti genitori con il caldo posano sui passeggini un lenzuolo sottile per proteggere i loro piccoli dal sole e caldo. 

Secondo un pediatra svedese, questa pratica è molto pericolosa.
"All'interno del passeggino inizia a fare molto caldo, un po' come in un thermos", ha spiegato il dottor Svante Norgren, pediatra dell'ospedale per l'infanzia di Stoccolma, al giornale Svenka Dagbladet. "Vi è infatti una cattiva circolazione dell'aria e la coperta rende difficile osservare il bambino nel passeggino", aggiunge.

A causa del troppo caldo i piccoli potrebbero pensare di essere tornati nel grembo materno e quindi smettere di respirare.

Per testare le veridicità delle parole del medico, alcuni giornalisti del quotidiano svedese hanno condotto un esperimento: hanno lasciato due passeggini all'aria aperta per 90 minuti, coprendone soltanto uno. Dopo un'ora e mezza, la temperatura nel passeggino non coperto ha toccato i 22 gradi celsius. L'altro passeggino, invece, si è riscaldato molto più velocemente. Dopo 30 minuti, la temperatura sotto la coperta era di 34 gradi. Un'ora più tardi, aveva raggiunto i 37.

Effetto forno"

I ricercatori svedesi stimano che la copertura posizionata sul passeggino crei un "effetto forno" perché l'aria circola male. Anche una coperta leggera in mussola può avere delle conseguenze pericolose. 
I neonati e i bambini sono molto sensibili al calore: il loro corpo può riscaldarsi dalle tre alle cinque volte più velocemente rispetto a quello degli adulti. Inoltre, i più piccoli non sudano quanto gli adulti, il che significa che non possono far diminuire la loro temperatura corporea tanto facilmente. Tutto questo (senza dimenticare il fatto che i neonati e i bambini piccoli non possono comunicare che hanno troppo caldo) può avere delle conseguenze molto gravi, soprattutto quando i bimbi vengono lasciati nel passeggino senza una sorveglianza continua.

Consigli utili di carattere generale

  • Mantenere freschi i locali dove soggiorna il bambino, aerare soltanto al mattino presto e di notte; durante il giorno oscurare le finestre esposte al sole.
  • Vestire i bambini in modo molto leggero, lasciando ampie superfici cutanee scoperte.
  • Controllare regolarmente la temperatura corporea di lattanti e bambini piccoli; se necessario, rinfrescare delicatamente il loro corpo con una doccia tiepida o panni umidi.
  • Fare bere acqua, non fredda, in piccole quantità, lentamente e molte volte al giorno.
  • Preferire l’acqua ad altre bevande, specialmente se gassate.
  • Evitate di uscire nelle ore più calde della giornata, ossia dalle 11.00 alle 18.00.
  • Applicare sempre prodotti solari ad alta protezione sulle parti scoperte del corpo e proteggere il capo con un cappellino.
  • È bene sapere che, anche sotto l’ombrellone, non si è protetti dal caldo, né dai raggi solari.
  • Evitare che i bambini più grandi svolgano attività fisica all’aperto durante le ore più calde.
  • Fare bere il bambino prima e durante l’attività fisica, anche quando gioca, per compensare le perdite di liquidi dovute alla sudorazione.
  • Evitare di lasciare bambini incustoditi in luoghi chiusi poco protetti dal caldo e dall’esposizione ai raggi solari, esempio in tende da campeggio o in auto, specialmente durante le ore calde della giornata. Attenzione: l’ipertermia, in un bambino lasciato in auto, può verificarsi anche nelle giornate fresche, con temperature intorno ai 22°C. Questo perché l’abitacolo della macchina può surriscaldarsi fino a superare i 40°C, anche se i valori di temperatura esterna non risultano elevati.
  • Preparare cibi freschi e leggeri, ricchi di acqua (frutta e verdura fresca).
  • Fare molta attenzione alla corretta preparazione e conservazione dei cibi. Le temperature elevate favoriscono la contaminazione degli alimenti ed aumentano il rischio di gastroenteriti e intossicazioni alimentari.
  • Si consiglia di lavare bene frutta e verdura e tutti i cibi consumati crudi, facendo attenzione che non vengano a contatto con altri alimenti o con piani di lavoro sporchi, per evitare il rischio di contaminazione crociata.
  • Lavarsi le mani prima di procedere alla preparazione dei cibi.

Nessun commento:

Posta un commento

L'allarme dell'OMS sugli sciroppi per la tosse dopo la morte di 66 bambini. Cosa succede?

Scatta l' allarme  dell'Organizzazione mondiale della Sanità. Dopo la morte di ben 66 bambini in Gambia, l'Oms ha aperto un'...