lunedì 9 maggio 2022

Mamma tortura la figlia di 18 mesi e le inietta la candeggina: «Non l'amavo, volevo disfarmene»

 






Ha torturato la figlia e le ha iniettato la candeggina.

Ezgi Korucu, 28 anni, è accusata di aver torturato la figlia di 18 mesi, Eylul Mira, ad Avcilar a Istanbul, in Turchia. La donna ha ammesso di aver fatto del male alla sua bambina perché non l'amava, così ha cercato di infliggerle grandi sofferenze.



La piccola era stata ricoverata in ospedale con lesioni che hanno spinto i medici a sporgere denuncia così che la donna è stata arrestata. Dopo diversi interrogatori ha confessato di aver torturato la figlia e di aver anche provato ad ucciderla tutto perché non l'amava e voleva disfarsi di lei. «Così ho deciso di torturarla. L'ho tormentata con tagli di rasoio su testa, gambe, braccia, petto e palpebre», ha ammesso come riporta anche il Sun, «Le ho iniettato sapone liquido e candeggina nelle vene usando una siringa. Questo è iniziato quando mia figlia aveva un mese».

 


Le torture sono andate avanti per tutta la vita fino all'arresto. Ora la donna di dice pentita e chiede alla figlia di poterla perdonare. Il suo legale ha spiegato che i suoi atteggiamenti erano dovuti a uno stato di alterazione causato dagli abusi che la donna stessa subiva dal marito. Lo scopo della 28enne sarebbe stato quello di finire in carcere per salvarsi dalle angherie del suo partner.

5 commenti:

  1. Io spero che la figlia non la perdoni proprio . Non la amava quando ha partorito la lasciava all ospedale

    RispondiElimina
  2. Sei una bastarda come puoi fare del male ad una bimba che proprio tu hai partorito , ti meriti una condanna a vita, spero che questa bimba non ti perdonerà mai 😡😡😡

    RispondiElimina
  3. Porera piccola non voglio immaginare cosa ha sofferto, quell'animale di sua madre dovrebbero buttare la chiave e farle passare peggio di quello che lei a fatto passare ha quel povero angioletto

    RispondiElimina
  4. Perche.prendertela.con.una.povera.bimba.indifesa.
    Cercavi.una.soluzione.giusta.
    L.affidavi.in.ospedale.loro.si.spera.la.consegnavano.in.buone.mani.
    Vergogna..che.serve.chiedere.il.suo.perdono.

    RispondiElimina
  5. Io spero che nn la perdona i bambini sono pezzi cuore io nn ho figli la vorrei adottare io tanto mio marito lavora 😭🌹🌹

    RispondiElimina

Bimbo giù dal balcone, la babysitter «deve essere processata». Per i periti non c'è vizio di mente

  Monica Santi, la babysitter carpigiana che il 31 maggio a Soliera, in provincia di Modena, ha gettato dalla finestra il bambino di 13 mesi...