giovedì 20 luglio 2023

Ragazzino sopravvive al virus letale: l'ameba mangia cervello lo ha paralizzato, ecco di cosa si tratta


 


Un ragazzino statunitense ha guardato la morte in faccia ed è sopravvissuto. 


Caleb Ziegelbaur, della Florida, ha contratto un'infezione al cervello che ha un tasso di mortalità del 97% e, nonostante tutto, non è morto. Il 14enne ha trascorso quasi un anno in ospedale a combattere un'ameba che mangia il cervello.

Il virus l'ha colpito mentre nuotava sulla spiaggia di Port Charlotte. I medici ritengono che sia stato infettato dalla Naegleria fowleri, il nome scientifico dell'ameba mangia cervello, che è fatale nel 97% dei casi.



Solo quattro persone su 154 che hanno contratto il virus microscopico negli Stati Uniti tra il 1962 e il 2021 sono sopravvissute e lui è il quinto. I medici credono che sia entrato nel naso di Caleb e gli abbia infettato il cervello. Caleb ora cammina un po', ma il danno arrecato al suo cervello è significativo. Ha bisogno di comunicare con le espressioni facciali e deve usare una sedia a rotelle.



Caleb aveva nuotato con la sua famiglia a Port Charlotte Beach il 1° luglio 2022. Solo sei giorni dopo, Caleb iniziò ad avere mal di testa e febbre prima di essere colpito dalla febbre e lamentarsi di allucinazioni. Il 9 luglio, è stato portato d'urgenza in ospedale e sua madre Jesse ha detto alla NBC che, anche durante il viaggio in macchina di un'ora, le sue condizioni "sono peggiorate rapidamente".



Era in coma all'ospedale pediatrico di Golisano, con i medici che lo monitoravano 24 ore su 24. I medici dissero a sua madre che gli restavano solo quattro giorni di vita. Per otto mesi, ha combattuto contro l'ameba mentre era a malapena cosciente.



È tornato dalla riabilitazione intensiva a marzo, il che significa che ora può stare in piedi, ridere e comunicare, anche se la sua parola è compromessa.



Un'ameba è un minuscolo animale unicellulare che può essere trovato in acqua dolce calda come laghi e fiumi. Generalmente, l'ameba entra attraverso il naso e viaggia attraverso i seni fino al cervello, dove innesca la meningoencefalite amebica primaria, un'infezione cerebrale rara e solitamente fatale. Diffonde i nervi al cervello, dove si moltiplica e distrugge i tessuti. Nelle prime fasi, i pazienti inizialmente avvertono mal di testa, febbre, nausea e vomito, ma giorni e settimane dopo possono anche affrontare allucinazioni e convulsioni. 

Nessun commento:

Posta un commento

Bambino di 11 mesi bruciato vivo da un'improvvisa esplosione del termosifone: travolto dal vapore mentre dormiva nella culla

Un  bambino  di soli 11 mesi è morto in seguito a un drammatico incidente mentre si trovava a casa con la mamma e le sorelline gemelle nate ...