venerdì 18 dicembre 2020

Il figlio si vergogna di una grande voglia sul torso, il padre si sottopone a 30 ore di tatuaggio per non farlo sentire diverso


 


Il figlio si vergogna di una macchia sulla pelle e il padre si sottopone a 30 ore di tatuaggio per non farlo sentire a disagio. 



Derek Prue Sr, di Stony Plain, Alberta, in Canada, si è fatto tatuare una grossa voglia sul fianco per far sentire meno a disagio il figlio, nato con la stessa voglia sulla palle.Il bambino di 8 anni non riusciva ad accettare la macchia sulla pelle del torso che aveva dalla nascita. Una voglia che lo faceva vergognare del suo corpo al punto che non voleva più nemmeno andare in piscina, così il papà, per dimostrargli che non c'era nulla di male e per non farlo sentire "diverso" è andato da un tatuatore e gli ha chiesto di farsi disegnare la stessa macchia. Vista la grandezza della voglia ci sono volute 30 ore per ultimare il tatuaggio: «Pensato sarebbero bastate poche ore, invece son diventate più di trenta ma è stato bello farlo» ha rivelato l’uomo alla stampa locale. 

 


Il ragazzo non sapeva nulla di quello che stava facendo il papà, fino a quando un giorno non è tornato a casa e si è tolto la maglietta. Il bamino ha ammesso di essere stato molto felice e alla fine ha accompagnato il padre dal tatuatore per l'ultima sessione. 



Nessun commento:

Posta un commento

Covid, la mamma è intubata: i medici fanno nascere il bimbo sano e salvo

  All'ospedale di Cona di Ferrara è nato un bimbo da una paziente  con Covid-19 di 35 anni intubata in terapia intensiva da circa un mese.