mercoledì 30 giugno 2021

Caso Denise Pipitone, nuova clamorosa testimonianza: “Ecco dove l’ho vista”




 


In questi ultimi mesi le vicende e i colpi di scena che si sono verificati nell’ambito del caso di Denise Pipitone, la bambina che nel settembre del 2004 scomparì da Mazara del Vallo, hanno tenuto il banco della cronaca italiana. 


Dopo gli ultimi sviluppi che hanno persino visto indagata l’ex-pm Angioni, che seguiva allora il caso di Denise, ora un testimone esce allo scoperto con una notizia incredibile.


Nella puntata di ieri di Ore 14, il programma condotto da Milo Infante, è andata in scena una nuova testimonianza in merito proprio al caso, ovviamente qualora la testimonianza fosse ritenuta credibile, sarebbe un passo avanti per quanto riguarda le indagini del caso.



Questa testimone racconta che il 1° settembre di 17 anni fa si trovava all’hotel Ruggero II a Mazara del Vallo, lo stesso hotel dove lavorava Anna Corona, ovvero l’ex-moglie di Piero Pulizzi. Questo testimone avrebbe detto chiaramente alla Procura di aver visto la bambina, le sue parole sono precise: “Il 1° settembre 2004 ho visto una bambina accanto a una persona, non dimenticherò mai i suoi occhi“.


Ovviamente a questo punto sorgono tutte le domande del caso. Quella bambina era davvero Denise Pipitone? E come mai questo super-testimone si presenta solo ora, a distanza di così tanto tempo? Sono trascorsi ben 17 anni dal fatto e non è nemmeno possibile accertare la presenza di questa persona all’interno dell’hotel dal momento che i registri non sono stati conservati.



Nella giornata di ieri è anche giunta notizia che una testimone chiave all’interno del caso è stata aggredita e picchiata sotto casa sua da tre persone. L’avvocato Frazzita ha dichiarato che “l’aggressione potrebbe essere dovuta ad altri motivi“, ma la cosa risulta essere alquanto strana e preoccupante.

Nessun commento:

Posta un commento

Muoiono dopo aver ingerito dei frutti velenosi in giardino: il dramma di due fratellini

  Volevano solo mangiare delle mele, ma non si sono accorti che in realtà erano dei frutti velenosi.