lunedì 12 luglio 2021

Lucca, Emanuela muore di parto a 42 anni. Il marito: «Pretendo la verità»


 


Emanuela è morta di parto a 42 anni e il marito Federico, ancora incredulo, vuole sapere la verità. 



«Voglio sapere cos’è successo quella sera dopo che alle 19,25 sono uscito dalla stanza dopo aver parlato con mia moglie che aveva le contrazioni». Federico Sereni è tornato a parlare della tragedia al quotidiano Il Tirreno, per chiedere che venga fatta luce sul decesso. Ancora incredulo per quanto successo alla moglie Emanuela Paolinelli, originaria di Mastiano, in provincia di Lucca, morta a dicembre scorso di parto a soli 42 anni, chiede di sapere cosa sia accaduto.



Le indagini, per l’identificazione di eventuali responsabili, continuano. In base al primo riscontro dell‘autopsia imposta dalla Procura, per la donna sarebbe stata fatale un’embolia polmonare, verificatasi in correlazione con l’imminente nascita della sua bambina che, per fortuna, è riuscita a sopravvivere, nonostante sia ricoverata da quasi 7 mesi nel reparto di Neonatologia di Pisa. Ma i punti oscuri della vicenda restano molti.

 


«L'ho lasciata che stava cenando in attesa del parto indotto e alle 22,30 era morta – ha continuato il marito -. Lo stesso primario Gianluca Bracco, che ha seguito mia moglie durante tutta la fase della gestazione in cui ha manifestato una forma di diabete, non riesce a capire cosa sia successo in quel lasso di tempo che va dalle 20,55 al cesareo eseguito d’urgenza sino al decesso. Tra quattro giorni sono sette mesi che Emanuela non c’è più. Mi sono fatto tante domande e pretendo di avere delle risposte. Perché se fosse stato commesso un errore nella procedura, questo errore non deve più accadere e se c’è qualcosa da correggere va corretto. Nessun altro marito o genitore deve subire una sofferenza indicibile come quella che è capitata a me e alla mia famiglia. Ci tengo a dire una cosa: voglio ringraziare di cuore il professor Filippi e la sua squadra di medici, infermieri e personale sanitario che si occupa di mia figlia come se fosse una loro figlia mettendo al primo posto un’umanità e una professionalità che, nonostante ciò che mi è accaduto, mi fanno continuare a credere nella sanità italiana e nelle sue eccellenze».



 

Le indagini della procura sono in corso. Le analisi sulla morte di Emanuela continuano e dieci persone, tra medici e personale sanitario, sono indagate. La famiglia della 42enne ha raccolto fondi per un valore totale di tredicimila euro che ha destinato alla ricerca sulle malattie neonatali ed in particolare alla Neonatologia dell’Azienda ospedaliera universitaria di Pisa, gestita dal professor Luca Filippi.

Nessun commento:

Posta un commento

Far addormentare il bebè in un minuto con la tecnica del 4-7-8

Se avete delle difficoltà a far addormentare vostro figlio, la tecnica del 4-7-8 lo aiuterà a rilassarsi e conciliare il sonno.