sabato 6 novembre 2021

Ecco il motivo per cui i bambini fanno la pipì a letto


 


Se vostro figlio fa la pipì a letto, cercate di mantenere la calma. Scoprire le cause sottostanti è il modo migliore per aiutarlo.



Insegnare ai bambini ad usare il bagno è uno dei principi fondamentali nella loro educazione e sviluppo. Sebbene sia un traguardo che si raggiunge solitamente tra i due e i quattro anni di età, ogni bambino segue il proprio ritmo e questo processo può essere più o meno lungo a seconda dei casi. Tuttavia, quando l’età comunemente stabilita viene superata, potremmo trovarci di fronte a un problema che richiede un intervento medico o psicologico. Per questo oggi vi spieghiamo perché i bambini fanno la pipì a letto secondo la psicologia.



Il fenomeno per cui i bambini bagnano il letto si chiama enuresi e può essere di vario genere:

  • Se il bambino non ha mai raggiunto il controllo della vescica, siamo di fronte a un’enuresi primaria.
  • Se invece il bambino è riuscito a trattenere correttamente l’urina per almeno sei mesi e perde improvvisamente questa capacità, si parla di enuresi secondaria.
  • Inoltre, a seconda dell’ora del giorno in cui si verifica la perdita di urina, il bambino può avere un’enuresi diurna, notturna o mista.


Come abbiamo commentato, l’acquisizione del controllo sfinterico si ottiene ad un’età variabile tra i bambini.

Tuttavia, segue una certa sequenza: prima imparano a controllare l’evacuazione intestinale (continenza fecale), poi acquisiscono il controllo urinario diurno e, infine, il controllo urinario notturno. Pertanto, è possibile che un bambino rimanga senza pannolino durante il giorno e debba invece indossarlo di notte.



In relazione a quanto sopra, per considerare che il fatto che il bambino faccia la pipì a letto nasconda qualche patologia, devono essere soddisfatti alcuni criteri diagnostici:

  • Urinazione ripetuta (a letto o sui vestiti) frequentemente di almeno due volte a settimana, per tre mesi consecutivi o più.
  • Disagio significativo nel bambino, deterioramento dei suoi legami sociali o del suo rendimento scolastico a causa della perdita di urina.
  • Età cronologica di almeno cinque anni o un grado di sviluppo equivalente.
  • Assenza di una condizione medica nota a causarla, come il diabete, la spina bifida o l’uso di determinate sostanze (come i diuretici).


Sebbene ci sia qualche controversia al riguardo, la credenza più comune è che l’enuresi primaria e secondaria rispondano a cause diverse. In questo modo, nel primo caso è solitamente legato a fattori genetici o ereditari e nel secondo caso i fattori psico-affettivi prendono il sopravvento.

Successivamente, discuteremo le cause più comuni per cui i bambini bagnano il letto.



Come abbiamo anticipato, l’enuresi può avere una componente ereditaria.

Pertanto, nei bambini i cui genitori non hanno bagnato il letto, l’incidenza media è inferiore al 15%, mentre in quelli con una storia familiare il rischio è maggiore: 45% quando uno dei genitori ha sofferto di enuresi durante l’infanzia e 77% quando entrambi i genitori l’hanno presentata.



I bambini che bagnano il letto spesso hanno una vescica più piccola rispetto ai loro coetanei. Questo fa sì che abbiano bisogno di urinare più frequentemente durante il giorno e non siano in grado di trattenersi durante la notte.



Inoltre, questi piccoli possono avere difficoltà a ritardare la minzione urgente; cioè, non hanno la capacità di inibire la contrazione del muscolo detrusore della vescica dopo il desiderio di urinare. Pertanto, questo impedisce loro di raggiungere il bagno in tempo.


Quando i bambini bagnano il letto di notte è possibile che abbiano un sonno molto profondo. Non alternandosi così tanto con le fasi più superficiali del sonno, la loro soglia di risveglio è alta e non riescono a percepire il bisogno di urinare. Pertanto, non si svegliano e finiscono per bagnare il letto.



Contrariamente a quanto accade negli altri bambini, alcuni piccoli che bagnano il letto non producono l’ormone antidiuretico durante la notte. Questo fa sì che i reni producano un’elevata quantità di urina durante il riposo notturno e questo favorisce la minzione involontaria.



Anche fattori psicologici ed emotivi possono svolgere un ruolo importante in questo problema, soprattutto quando si tratta di enuresi secondaria.

I bambini possono tornare a bagnare il letto quando affrontano fasi di transizione o cambiamenti importanti che comportano alti livelli di stress.

Ad esempio, un divorzio, la nascita di un fratello, un trasloco o la morte di una persona cara. Allo stesso modo, quando ci sono conflitti familiari o scolastici che causano un certo grado di angoscia e ansia nel bambino.


È importante notare che l’enuresi ha un’eccellente prognosi futura e che nella stragrande maggioranza dei casi si risolve con la crescita del bambino. Tuttavia, alcuni casi possono persistere nell’adolescenza.



Tuttavia, la famiglia può applicare alcune linee guida per aiutare a migliorare la situazione:

  • Non umiliare, incolpare o punire il bambino. Ricordate che l’enuresi notturna è involontaria e inconscia e quindi il minore non cerca di danneggiarci o disturbarci in questo modo. Siate pazienti e comprensivi per non generare ulteriori danni emotivi.

  • Dopo la perdita di urina, chiedete al piccolo di aiutarvi a cambiare le lenzuola. Non come punizione, ma come conseguenza naturale del processo. Inoltre, questo può aiutare a ridurre la colpa del minore, poiché può collaborare alla risoluzione del problema.
  • Assicuratevi che il bambino non beva troppi liquidi in serata e che vada in bagno prima di andare a letto.
  • Un’altra misura efficace è prenderlo la mattina presto e portarlo a urinare.
  • Premiate e rinforzate verbalmente i giorni in cui si sveglia asciutto.

Infine, se la situazione persiste, è importante cercare un aiuto professionale. In questo modo si possono escludere alcune cause organiche o applicare trattamenti psicoterapeutici per aiutare il bambino a superare le proprie difficoltà.



Soprattutto, il processo deve essere affrontato con pazienza e comprensione, poiché prima o poi il bambino smetterà di bagnare il letto. Al contrario, il danno emotivo derivato da una possibile umiliazione può durare per tutta la vita.




Nessun commento:

Posta un commento

Programmazione Disney Natale 2021

  Film Disney in tv a Natale 2021 Quali film Disney guardare in tv a Natale 2021? Non potrebbe essere un vero Natale senza il ritorno dei gr...