martedì 21 dicembre 2021

Otite nei bambini: ecco i rimedi per ridurre il dolore



Quando un bambino piccolo soffre di otite, si tocca l’orecchio che gli fa male e in questa maniera comunica con i genitori.

 Tuttavia, non sapendo parlare, comunicherà il suo malessere anche attraverso il pianto.

È questo momento in cui i genitori si devono concentrare sull’identificazione del problema del bambino. Il compito non è facile, quindi, è importante sapere che l’otite si manifesta più frequentemente nei bambini piccoli durante la stagione estiva.

Se avete il sospetto che il dolore provenga dall’orecchio, provate a premere delicatamente la parte interessata e vedete la reazione del bambino. Se dopo la pressione il pianto aumenta, allora è molto probabile che siamo di fronte ad un’otite.


Cosa non si deve fare

Se il bambino è molto piccolo e avete qualche sospetto che si tratti di otite, la cosa giusta da fare è portare il bambino dal pediatra per un consulto. Solo questo specialista sarà in grado di fornire una diagnosi corretta e stabilire il tipo di trattamento da seguire.


Scegliere dei trattamenti senza un consulto medico è estremamente pericoloso, soprattutto per i bambini da 0 a 36 mesi. Pertanto, vi sconsigliamo vivamente di somministrare un antibiotico al bambino senza prima aver consultato un medico. In caso contrario, mettereste seriamente in pericolo la vita del bambino.

L’otite è una malattia abbastanza ricorrente nei bambini. Tuttavia, se non viene curata come si deve, potrebbe creare dei problemi in futuro.


Scegliere dei trattamenti senza un consulto medico è estremamente pericoloso, soprattutto per i bambini da 0 a 36 mesi. Pertanto, vi sconsigliamo vivamente di somministrare un antibiotico al bambino senza prima aver consultato un medico. In caso contrario, mettereste seriamente in pericolo la vita del bambino.


Trattamento dell’otite nei bambini

In genere, nei bambini di età inferiore ai due anni, l’otite viene trattata con antibiotici e farmaci antinfiammatori leggeri. Ovviamente, tutto dipenderà dalla storia clinica del bambino ed è per questo motivo che il parere del medico è di fondamentale importanza.


È importante sapere che l’ibuprofene non è raccomandato ai bambini di età inferiore ai sei mesi. Oltre a questi antidolorifici, esistono altre terapie che possono migliorare le condizioni dei bambini affetti da questa malattia.


Creare le condizioni per trattare l’otite

La maggior parte dei medici raccomandano di interrompere l’assunzione di latticini durante la malattia. Per prevenire l’otite, bisogna asciugare bene le orecchie dei bambini dopo il bagno o la doccia.


Inoltre, se la malattia dovesse essere già presente, bisogna continuare ad avere questa attenzione per evitare che si aggravi. 



Oltre all’acqua, anche gli ambienti estremamente secchi possono generare dolore e irritazioni alle orecchie.





Nessun commento:

Posta un commento

Roma, bambino di 11 anni investito da suv : è in gravi condizioni

  Un bambino di 11 anni è rimasto gravemente ferito dopo essere stato investito da un suv in via del Torraccio di Torrenova, alla periferia ...