martedì 24 maggio 2022

I terribili due anni: come affrontare le crisi isteriche dei bambini

 



I due anni costituiscono una piccola adolescenza in cui il bambino inizia a esplorare il suo carattere e richiedere autonomia, cosa che spesso fa impazzire i genitori. Dunque, come superare i terribili due anni? 

I due anni sono uno stadio di grandi cambiamenti fisiologici e psicologici nei bambini, quasi come una piccola pubertà. Cominciano a chiedere autonomia ed esprimono il loro carattere in modi che, a volte, possono far disperare gli adulti.

Questa fase può iniziare circa 18 mesi e prolungarsi fino a quattro anni. È una fase normale che deve essere attraversata da tutti. A seconda delle circostanze del bambino e della famiglia, può essere vissuta in un modo più o meno intenso. Ecco come superare i terribili due anni.

In cosa consistono i terribili due anni?

Qualsiasi genitore con figli che ha già superato questa età può attestare il cambiamento radicale vissuto dai propri figli una volta raggiunti i due anni. Alcuni dei comportamenti più frequenti sono:


  • Il bambino diventa capriccioso e vuole imporre i suoi desideri a tutti i costi.
  • Diventa egocentrico e possessivo, non vuole condividere le sue cose con gli altri.
  • Non fa altro che dire di “no” ed è testardo. Non accetta ordini o aiuto dagli adulti.
  • Si arrabbia facilmente, per cose di poca importanza. Piange, grida e fa i capricci frequentemente.
  • Nella loro impazienza di imporre le loro decisioni, alcuni bambini possono iniziare a rifiutare cibo o attività che in precedenza avevano accettato senza problemi.
  • Nonostante i tentativi dei genitori, quando si verifica un capriccio, il bambino non ascolta e non ragiona.

Capire i più piccoli

A questo punto di confusione e stanchezza, molti genitori si chiedono cosa abbia provocato il cambiamento e abbia trasformato il loro angioletto in un piccolo essere isterico e fuori controllo. Cosa è successo?


All’età di due anni, lo sviluppo cognitivo e motorio del bambino si evolve considerevolmente. Il bambino è già in grado di muoversi e camminare da solo, proprio come può ragionare e scegliere. Inizia a sapere cosa vuole e vuole ottenerlo.

Fino ad ora, il suo essere era così legato alla figura di attaccamento principale (la madre) che a malapena ne riconosceva la differenza. Ora inizia a percepire se stesso come un individuo separato da sua madre, con la sua identità, personalità e abilità.

Si scatena in lui la necessità di autodeterminazione, di godere e usare della libertà che ha ottenuto dalla madre. Il bambino comincia ad esplorare i suoi gusti, le sue idee e la sua personalità. Vuole scegliere e fare le cose da solo, senza l’aiuto o l’intervento degli adulti, e non gradisce che la sua indipendenza non venga rispettata.

Il bambino ora vede i suoi desideri ma non i suoi limiti. Sa cosa vuole anche se non sa molto bene come raggiungerlo. Inizia ad essere più consapevole di se stesso e vive emozioni più complesse, come l’orgoglio o la vergogna.


Tuttavia, non ha ancora la capacità di gestire o esprimere chiaramente le sue emozioni e, di fronte al rifiuto dei genitori, può solo reagire con i capricci. Durante i terribili due anni, non è in grado di capire perché non può ottenere ciò che desidera così tanto e perché è limitato nelle sue scelte.

I terribili due anni diventano così uno scenario complicato sia per i genitori che per i bambini che, in molte occasioni, potrebbero non sapere cosa sta succedendo loro o perché si sentono così arrabbiati.


Come superare i terribili due anni

Nonostante sia una fase normale e di passaggio, superare i terribili due anni può essere dura per i genitori. La frustrazione e l’impotenza possono diventare parte della loro vita quotidiana e, a volte, vi sentirete così spompati che vorrete gettare la spugna.


È essenziale ricordare che, anche se fate tutto nel modo giusto, non vedrete risultati immediati nei vostri figli. I capricci ci saranno e, anche così, l’unica soluzione è intraprendere un percorso di pazienza, amore e rispetto.

  • Non reagite in modo violento, non urlate o colpite vostro figlio: mantenete la calma e parlategli con amore.
  • Mitigate la vostra collera con pazienza e, una volta terminato il capriccio, spiegategli le vostre ragioni con calma.
  • Resa con moderazione. Se possibile, evitate di dare un clamoroso “no” come risposta. È preferibile offrire diverse opzioni tra cui scegliere. Se il desiderio del bambino è accettabile, potreste cedere. Se non è accettabile, rimanete fermi e portate pazienza di fronte alla sua frustrazione.
  • Cercate di mantenere alcune routine e avvisate il bambino in anticipo di ciò che accadrà. Questo atteggiamento gli fornirà sicurezza.
  • Non giudicatelo e criticatelo per le sue bizze. Non lo fa con cattiveria, sta imparando a vivere e, a questa età, alcuni commenti crudeli possono danneggiare gravemente la sua autostima.

Nessun commento:

Posta un commento

Elena Del Pozzo, il video della madre Martina Patti che corre al campo per scavare la buca

  La buca che ha accolto il corpo di Elena Del Pozzo, la bambina di 5 anni Mascalucia uccisa con 11 coltellate e poi fatta ritrovare dalla m...