sabato 30 luglio 2022

Nicolò morto a due anni davanti al papà: «Aveva terriccio in bocca». Forse ha ingerito un pesticida


 


Com'è morto il piccolo Nicolò, stroncato da un malore a due anni dopo una mattinata al parco giochi? È quello che stanno provando a chiedersi gli inquirenti dopo il dramma della morte del bambino sotto gli occhi del papà. 


Quest'ultimo lo aveva trovato con la bocca sporca di terriccio: la sua spiegazione è che potrebbe aver raccolto, e probabilmente ingerito, qualcosa da terra. Un terribile incidente, di quelli che possono capitare a bimbi così piccoli da non riconoscere il pericolo.



Non c'è stato un problema immediato. Papà e figlio sono rientrati a casa, a Longarone (Belluno). Ma il bambino non stava bene: i genitori si sono allarmati vedendo che il figlioletto peggiorava a vista d'occhio. Il papà, che lavora come boscaiolo, continuava a ripensare a quella 'cosa' messa in bocca dal figlio e ha deciso che non si poteva aspettare: ha caricato direttamente il figlio in macchina, e l'ha portato al pronto soccorso dell'ospedale a Pieve di Cadore. Qui il piccolo è stato accolto in codice rosso: i medici hanno tentato in ogni modo di rianimarlo, per circa due ore, continuando a sperare che si riprendesse. Ma il cuore di Nicolò non ha mai ripreso a battere, e sono stati costretti a dichiararne il decesso.



L'ospedale ha avvisato i Carabinieri, che hanno avviato i primi accertamenti, sia nell'area del giardino pubblico, che nella casa della famiglia. Nei concitati momenti del ricovero, l'uomo ha riferito ai soccorritori un particolare non banale: aveva visto il figlio raccogliere qualcosa da terra al parco giochi, e gli era sembrato l'avesse messo in bocca. Solo una ipotesi, per ora, come quella che il bimbo possa aver ingerito del pesticida, o un veleno per i topi. Saranno l'autopsia, e soprattutto le analisi tossicologiche a dare una risposta certa sulla causa della morte.



Un episodio che ha scosso anche il sindaco di Longarone, Leonardo Padrin, che a nome della piccola comunità ha espresso il dolore del paese e la vicinanza alla famiglia di Nicolò. Il fatto è avvenuto in una piccola area giochi, il Parco Sidney, vicino alla chiesa di Codissago, una frazione di Longarone. L'esame autoptico è stato fissato per mercoledì prossimo, nell'obitorio dell'ospedale San Martino di Belluno. Poi, per dare l'addio al bimbo, bisognerà aspettare il nulla osta da parte della Procura della Repubblica. di Belluno, che con il pm Simone Marcon ha aperto un fascicolo sulla vicenda, per ora senza indagati. 

Nessun commento:

Posta un commento

La piccola Caterina senza pace: la salma portata via dalla veglia funebre per l'autopsia. Lo sfogo del papà: «Perché?»

  Durissimo sfogo di Gabriele Succi, il padre della piccola Caterina, la bimba nata due anni fa con gravi problemi neurologici dopo che la m...