martedì 28 novembre 2023

Filippo Turetta come sta? La confessione al Gip: «Voglio pagare. Più volte mi sono messo il coltello alla gola»


 


Filippo Turetta, in carcere a Verona, oggi ha confermato le ammissioni rese alla polizia tedesca sull'omicidio di Giulia Cecchettin con dichiarazioni spontanee al gip. 



Lo ha spiegato l'avvocato Giovanni Caruso. «Sono affranto, dispiaciuto per la tragedia che ho causato. Non voglio sottrarmi alle mie responsabilità, voglio pagare quello che sarà giusto per aver ucciso la mia ex fidanzata. Sto cercando di ricostruire nella mia memoria le emozioni e quello che è scattato in me quella sera. Fin da subito era mia intenzione consegnarmi e farmi arrestare. Questa era la mia intenzione. Ora sono molto stanco e non mi sento di aggiungere altro». Lo ha detto Filippo Turetta in dichiarazioni spontanee al Gip.



«Sto cercando di ricostruire nella mia memoria le emozioni e quello che è scattato in me quella sera. Fin da subito era mia intenzione consegnarmi e farmi arrestare. Questa era la mia intenzione. Ora sono molto stanco e non mi sento di aggiungere altro», ha riferito Turetta al Gip e Pm.



«Ho ammazzato la mia fidanzata, ho vagato questi giorni perché cercavo di farla finita, ho pensato più volte di andarmi a schiantare contro un ostacolo e più volte mi sono buttato un coltello alla gola, ma non ho avuto il coraggio di farla finita». Sono le parole che Filippo Turetta aveva confessato, ormai da giorni, ai poliziotti tedeschi che lo hanno arrestato - su mandato di arresto europeo - per l'omicidio dell'ex fidanzata Giulia Cecchettin. Una confessione che oggi il 21enne, assistito dall'avvocato Giovanni Caruso, ha «sostanzialmente ripetuto» - rendendole quindi valide per la giustizia italiana - davanti al gip di Venezia Benedetta Vitolo e al pm Andrea Petroni.



«Che fosse stato lui lo avevamo capito subito, ne prendiamo atto ma lo sapevamo»: così il legale della famiglia di Giulia Cecchettin commenta le dichiarazioni spontanee rese oggi al gip di Verona dall'ex fidanzato Filippo Turetta. Sull'ipotesi che il funerale della 22enne possa svolgersi sabato a Padova, l'avvocato è dubbioso: «è una data un pò strettina» afferma.

Nessun commento:

Posta un commento

Bambino di 11 mesi bruciato vivo da un'improvvisa esplosione del termosifone: travolto dal vapore mentre dormiva nella culla

Un  bambino  di soli 11 mesi è morto in seguito a un drammatico incidente mentre si trovava a casa con la mamma e le sorelline gemelle nate ...