giovedì 28 novembre 2019

I FIGLI CHE CRESCONO IN UNA CASA ORDINATA SONO INFELICI E INSICURI



Uno psicologo afferma che avere una casa sempre in ordine,
in modo particolare equivale ad avere una casa triste. Lo afferma Mario Sergio Cortella, Psicologo, scrittore e filosofo.


Avere una casa sempre in ordine è un sinonimo di perfezione, gli adulti lo costruiscono per apparire esternamente perfetti:

  • conta per fare selfie e videochiamate a prova di critica;
  • conta perché nello splendore della perfezione materiale si cerca la pace interiore (che però non ha corrispondenza nell’ordine formale esterno);
  • conta perché ci inganna facendoci sentire meno fragili e meno vulnerabili.

Cortella afferma che la vita reale è fatta di caos: avere una casa sempre in ordine è una menzogna pro forma, una bugia dentro la quelle nascondiamo le nostre emozioni.

Una casa vera è fatta di molti “fuori posto”, come la giacca sulla sedia e questi non sono peccati, ma, piuttosto, fisiologici cedimenti all’imperfetto (perchè il perfetto non esiste). In questo senso il disordine è una dimostrazione di verità.


Avere una casa sempre in ordine rischia di spingerci dentro una prigione, ovvero di costringerci a rispettare un ordine formale senza il quale scopriamo le nostre debolezze e ci sentiamo fragili.

L’altra faccia della medaglia è che il disordine (che è diverso dalla sporcizia e dalla mancanza di igiene, sempre esecrabili e non ammessi) è – nella misura in cui sia “un po’ di disordine” – qualcosa di fisiologico, umano e persino buono: è la dimostrazione che nessuno può essere perfetto e che l’imperfezione non è in sè una debolezza.

Seguendo il ragionamento di Cortella, per educare figli felici del proprio ambiente domestico, a loro agio al suo interno e liberi di non apparire imperfetti, dovremmo, noi per primi, cedere all’ammissione delle nostre debolezze e non ricercare la perfezione ad ogni costo, in primis nella casa. Ovviamente ciò dovrebbe renderci esenti anche dalla critica alla altrui pulizia: ma chi non ha mai criticato la foto social postata da un ambiente non perfettamente ordinato?

MARIO SERGIO CORTELLA PARTE DALL’ESEMPIO DELL’ AVERE UNA CASA SEMPRE ORDINATA PER ARRIVARE ALL’ASPIRAZIONE AL BELLO ASSOLUTO, CHE ESSO NON ESISTE


Fattivamente nell’accettazione delle imperfezioni c’è anche una costante ricerca della felicità, laddove, questa ricerca della gioia, è sempre stata e sarà sempre un problema e un dilemma umano.

Educare i figli all’ordine è importante, ma in ciò che Cortella dice risiede una grande verità: educarli a non sentirsi obbligati ad essere troppo ordinati è ancora più determinante.

6 commenti:

  1. Educare i figli e importante e senza che lo dice coltella di turnol importante e sempre non esagerare. Casa ordinata per fare bei selfie....ma coltella chi ne la pulisce casa?!

    RispondiElimina
  2. Essere puliti nn è essere spicologicamente deboli .Io sono magniacale nn mi piace il disordine nn mi piace vedere cose fuori posto ne indumenti su sedie o su divani chiavi buttete in ogni dove.O scarpe calzili qua e la ....si sono malata x l ordine e pulizia lo so ! Ma nn sono fustrata igene pulisco i bagni 4/5 volte al gg il bagnio è un mio cruccio .Nn faccio selfi x apparire i miei figlinn sono insicuri ne frustati siamo felici vorrei vedere le case di qst spicologi come sono forse sono loro quelli più fustrati e insicuri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. signora, già il fatto che si arrabbi così tanto la dice lunga: perché non prova piuttosto a riflettere su quanto ha appena letto invece di sparare a zero su gli altri come se lei rifiutasse in modo categorico di avere delle debolezze o delle difficoltà? Siamo tutti esseri umani in fondo.

      Elimina
    2. Signora dia retta, pulisca un po’ meno e legga di più. I suoi bagni non saranno cessi, ma il suo italiano è una vera latrina.

      Elimina
  3. Il bagno 4/ 5 volte al giorno( a parte che non ci credo, non avresti tempo per altro) ma quella è una patologia, contenta tu, dovremmo parlare con chi ti circonda per sapere se va bene così 😉

    RispondiElimina

Milano, bambino di 12 anni in bici investito e ucciso da un'auto pirata

  Travolto e ucciso da un'auto pirata mentre era in sella alla sua bicicletta. Così è morto un bambino di 12 anni la scorsa notte alla p...