giovedì 28 novembre 2019

LE MAMME DI OGGI SONO PIU' DEPRESSE. ECCO PERCHE'



Ogni mamma dopo il parto necessita di tempo per abituarsi al cambiamento più bello della
sua vita. Non tutte le mamme reagiscono allo stesso modo dopo il parto, ci sia aspetta che ogni mamma nei confronti del proprio bambino abbia la stessa reazione e lo stesso stato d'animo.  Proprio questo è il motivo per cui tante neomamme non riescono ad esprimere il disagio che provano. La malattia che colpisce sempre più neomamme è la depressione post partum ed è davvero una brutta bestia.

Questa convinzione deriva da ciò che vediamo. Quando guardiamo i profili Facebook o Instagram delle amiche in gravidanza o che sono diventate mamme da poco hanno facce sorridenti, pancioni in bella mostra, dichiarazioni di amore assoluto. Eppure tutte le donne sanno che non è solo questo. Esistono anche le notti insonni e la stanchezza, ad esempio. Ma, nonostante ciò, continuiamo tutte a mostrare una versione di noi stesse che non ci rappresenta interamente.

Lo ha descritto anche una donna indiana: il suo nome è Malini, ha 33 anni e vive a Chennai. Lei scrive:

“Ho visto madri scrivere su Facebook un’ora dopo il parto su come tutto il dolore ne sia valso la pena, con le foto di loro che guardavano amorevolmente il loro bambino. Ma io non ho avuto la sensazione che il dolore ne sia valsa la pena”.
Ovviamente questi pensieri la facevano sentire una cattiva madre. Per colpa dell’ostentazione che vedeva attorno a sé, Malini infatti ha cominciato a sentirsi male perché non sentiva quei sentimenti positivi per sua figlia. Inoltre, sentiva ancora il dolore per una lacerazione avvenuta durante il parto e lamentava dei problemi con l’allattamento. A questo si era aggiunto la morte di un parente che l’ha messa seriamente a dura prova. Successivamente, durante un controllo ha espresso il suo disagio ad uno psicologo e ha cominciato ad andare in terapia.

I social media sottopongono spesso ad una pressione sociale che mette a dura prova le mamme. La prima cosa da fare quindi è quella di disintossicarsi, in un certo senso, dai social.
Va bene cercare delle risposte on line ed informarsi correttamente ma non basta limitarsi a questo. In alcuni casi è bene affidarsi ad un professionista che comprenda il nostro stato di salute.
La gravidanza è un qualcosa che tutte le donne hanno il diritto di poter vivere con serenità. Questo diritto si fa più imperante quando si parla del parto. La nascita del proprio bambino è un evento incredibile. Non tutte lo vivono allo stesso modo e bisogna rispettare tale disagio. Aiutare la donna in tutti i modi per riprendere le proprie forze mentali e fisiche. Aiutarla a vivere nel giusto modo la vita assieme al suo bambino

Nessun commento:

Posta un commento

Bambina di 12 anni stuprata durante il lockdown da tre uomini: erano ospiti della sua famiglia nella loro casa a Fondi

  Una  ragazza di 12 anni  è stata  violentata  ripetutamente da  tre uomini  durante il  lockdown . I tre, tutti di nazionalità indiana cos...