venerdì 8 novembre 2019

PREVISTE SANZIONI PER CHI NON RISPETTA LA LEGGE ANTI ABBANDONO FIGLI IN AUTO

SCATTANO DA OGGI OBBLIGHI E SANZIONI PER CHI TRASPORTA BAMBINI DI ETÀ INFERIORE A 4 ANNI E NON SI DOTA DI DISPOSITIVI ANTI ABBANDONO SEGGIOLINI


Dal 7 novembre 2019 il decreto che prevede la sicurezza dei bambini in auto è divenuto legge. Tutti i genitori sono obbligati a dotarsi di sistemi anti abbandono per i seggiolini da tenere in macchina. Inoltre è stata pubblicata una circolare inviata dal Ministero dell’Interno in cui sono contenute le sanzioni previste per chi viene meno all’obbligo. Tutto ciò ha lasciato spiazzati i genitori che devono procurarsi i dispositivi nel minor tempo possibile. 
Per agevolare l’acquisto dei dispositivi, nel decreto fiscale del nuovo Governo è stato creato un fondo e un riconoscimento economico di 30 euro per ogni dispositivo acquistato dalle famiglie fino ad esaurimento dei fondi stanziati. Sarà approvato a breve il decreto che parlerà delle modalità per l’erog
azione.

RISCHIO SANZIONI FINO A 326 EURO

Nella circolare del Ministero dell’Interno sono presenti le sanzioni previste per chi non si doterà di questi dispositivi. Delle violazioni si parla nell’articolo 172 del Codice della Strada. In questo è possibile leggere che le multe variano da 81 fino a 326 euro. Se pagate entro cinque giorni le stesse calano a 56,70 euro. In più è prevista per alcuni casi la decurtazione di 5 punti dalla patente. Purtroppo non sono stati concessi ai genitori i 120 giorni di anticipo inizialmente previsti per organizzarsi, pertanto i genitori devono davvero affrettarsi. Le sanzioni sono abbastanza dure, si può anche arrivare alla sospensione della patente da 15 giorni a 2 mesi. Questo solo in caso di recidiva nei due anni successivi.
Scelte queste delle sanzioni che non mettono tutti d’accordo. Alcuni esponenti del Pd chiedono infatti di concedere più tempo ai genitori e di sospendere per ora le sanzioni finché tutti non saranno stati ben informati sulla nuova normativa e finché non sarà operativo il riconoscimento economico di 30 euro per le famiglie previsto dal fisco.

LE CARATTERISTICHE CHE DEVONO AVERE I DISPOSITIVI: VEDIAMO LE PRINCIPALI

I dispositivi anti abbandono possono essere di 3 tipologie: integrati nel seggiolino auto per bambini, possono poi essere una dotazione o un accessorio del veicolo o possono essere indipendenti sia dal sistema di ritenuta per bambini che dal veicolo.
I dispositivi anti abbandono dovranno attivarsi automaticamente e dovranno essere dotati di un allarme che avviserà il conducente della presenza del bambino nel veicolo attraverso appositi segnali visivi e acustici o visivi. Questi segnali dovranno essere percepibili sia all’interno che all’esterno del veicolo. Devono inoltre essere in grado di attirare tempestivamente e in ogni momento l’attenzione del conducente. Inoltre devono essere in grado di segnalare la presenza di eventuali problemi, come la carica della batteria bassa.
Ce ne sono di molti tipi in commercio. Quesi vanno dai più semplici da utilizzare ma comunque funzionali ai più tecnologici che danno la possibilità di connettersi con lo smartphone del guidatore o di utilizzare le coordinate GPS.  Alcuni fanno scattare un allarme, altri invece notificano il pericolo sul cellulare attraverso delle apposite applicazioni o via Bluetooth. Lo scopo però è sempre lo stesso: evitare che i genitori dimentichino i propri figli in auto.







Nessun commento:

Posta un commento

Domenica Live, Valentina Persia: «Ecco cosa mi è accaduto dopo il parto quando sono diventata mamma»

  Valentina Persia, a Domenica Live , racconta la depressione post-partum.