giovedì 12 dicembre 2019

DOTTORE CUCE E REGALA UNA COPERTA PER OGNI BIMBO CHE FA NASCERE -1-


Ecco il medico che cuce e regala una coperta a ogni bambino che fa nascere.


Ecco la storia del dottor Erik Bostrom di Aitkin in Minnesota. Lui di professione non è ostetrico, ma è un medico di famiglia, ma spesso nella parte rurale del Minnesota sono proprio i medici di famiglia ad occuparsi dei parti, e per Erik questa è diventata la parte preferita del suo lavoro,

Erik Bostrom fa parte del personale dell’ospedale di Riverwood Healthcare Center, da circa due anni a  dopo essersi laureato in medicina presso l’Università del Minnesota

Appena arrivato in città e iniziato a lavorare, come nuovo dottore ha subito sperato di costruire con i suoi pazienti un rapporto di conoscenza reciproca e fiducia,

Così Erik ha pensato che sarebbe stato bello fare un regalo personalizzato alle mamme e ai neonati che avrebbe fatto nascere… Un collega ha suggerito coperte per bambini, all’inizio il medico pensava solamente di comprarle già fatte e regalarle, ma voleva veramente fare qualcosa di unico in cui si potesse vedere il suo impegno verso i pazienti, così gli è venuto in mente di crearle lui stesso e racconta:
“All’inizio l’idea mi ha fatto ridere, ho cucito molte persone, molta pelle ma non ho mai cucito tessuto”
Così ha deciso di provarci, ha guardato diversi video su YouTube e si è consultato con sua madre e sua cognata, che ha una piccola impresa che produce cuscini decorati.

“Mi hanno insegnato come usare una macchina da cucire. In realtà è stato molto più facile di quanto pensassi” ha raccontato con il senno del poi.

Il medico ha cominciato creando lui stesso le coperte, usando flanella e tessuto morbido di diversi colori e cucendoli insieme, poi per le decorazioni spediva le coperte ad essere ricamate da una professionista, ma dopo il primo anno, quando la persona che gli faceva i ricami si è trasferita in un altro stato.

Erik ha pensato fosse il momento di imparare una nuova tecnica, ha comprato una macchina da cucire che potesse fare cuciture con ricami e ha imparato da solo ad usarla, cominciando a ricamare lui stesso sulle copertine il nome del bambino venuto al mondo, la data di nascita il peso e la lunghezza, oltre a diversi ghirigori,  impiega dalle tre alle cinque ore su ogni coperta, con il ricamo che in genere utilizza circa 20.000 punti. Continua a leggere>>>

Nessun commento:

Posta un commento

Pescara, bimbo di 19 mesi muore e i genitori donano gli organi ad altri tre bimbi

  Affetto da una grave patologia congenita, muore ad appena 19 mesi, ma dona gli organi e dà nuova speranza ad altri tre bambini.