venerdì 30 ottobre 2020

Bimbo di 3 anni viene picchiato con la chiave telescopica dalla mamma fino a ucciderlo, perché stava in piedi sul lavandino



 

La polizia del nord della Florida ha arrestato una donna accusata di aver picchiato ripetutamente un bambino di 3 anni con una chiave per lo smontaggio degli pneumatici prima che il piccolo morisse.


Secondo le scioccanti notizie, Te’Lea Jefferson, 23 anni, è stata accusata di omicidio e aggressione aggravata in seguito alla morte del bambino.


Pare che la donna abbia portato il bambino privo di sensi al pronto soccorso del Tallahassee Memorial Hospital attorno alle 19:00. Il bambino aveva un grave trauma alla testa e al viso, come ha detto Tallahassee Democrat.

Infatti, il piccolo è stato dichiarato morto soltanto sei minuti dopo il suo arrivo in pronto soccorso.



Secondo le notizie, la donna ha affermato che il bambino era in piedi sul lavandino per lavarsi i denti quando è caduto e ha sbattuto la testa sul water. Ha inoltre detto agli agenti che i tagli sul suo corpo erano stati causati da pezzi di porcellana rotta.


Dichiarazione giurata sull’arresto


Tuttavia, una dichiarazione giurata sull’arresto contrattacca rivelando che le ferite sul corpo del bambino non erano coerenti con una caduta. Pare che il bambino avesse della gravi lacerazioni a viso e mani e degli ematomi su braccia e gambe. Inoltre, aveva segni di ferite riportate in precedenza su torso e spalle.


Quando è stata contraddetta sulla sua versione degli eventi, la donna ha ammesso di aver aggredito il bambino perché si trovava in piedi sul lavandino.


Inoltre, in seguito ha ammesso di averlo aggredito con una chiave per lo smontaggio degli pneumatici. Inizialmente lanciandogliela contro, poi picchiandolo ripetutamente, anche dopo che il piccolo aveva provato a scappare. Poi ha affermato che credeva che il bambino fosse già morto prima di portarlo al pronto soccorso.



Gli investigatori hanno rivelato che la donna ha affermato davanti agli agenti che il bambino era testardo “e spesso richiedeva più botte o sgridate del fratello maggiore”.


Te’Lea Jefferson viveva assieme alla vittima e al fratello maggiore, un bambino di 6 anni, perché aveva una relazione con il papà dei bambini.


La donna di 23 anni è attualmente trattenuta dalla polizia e dovrà comparire nuovamente in tribunale.

Nessun commento:

Posta un commento

Uccide il figlio di un mese mentre gioca alla playstation, poi chiama la moglie e confessa

Uccide il figlio  di poco più di un  mese  mentre  gioca con la PlayStation.