giovedì 17 dicembre 2020

Bambina morì a 9 anni per un attacco d'asma: «Uccisa dallo smog». La sentenza che farà storia


 


Ci sono voluti sette anni e una lunga, dolorosa battaglia legale, ma alla fine la sentenza è arrivata ed è una sentenza destinata a fare la storia. 



Ella Kissi-Debrah, una bambina morta ad appena 9 anni nel 2013 in uno dei dormitori periferici della Grande Londra popolata dai meno fortunati, fu uccisa non solo dall'asma e dalla salute fragile, ma anche dall'inquinamento atmosferico: un pericolo che nessuno segnalò per tempo alla sua famiglia (e a cui del resto difficilmente sarebbe potuta sfuggire in ogni caso, essendo nata forse troppo povera per trasferirsi nel verde di qualche area residenziale meno mefitica).



Il verdetto è stato pronunciato oggi di fronte alla corte londinese di Southwark. Ella, figlia di una famiglia di radici africane, spirò prima ancora di compiere 10 anni dopo essere stata ricoverata ben 27 volte in ospedale, a partire dal 2010. Uccisa anche dallo smog, come molti sospettavano da tempo malgrado i familiari - a quanto dichiarato in tribunale - non fossero mai stati messi a conoscenza della minaccia rappresentata dall'aria malsana di quella zona sui polmoni già tanto cagionevoli della figlia.

Nessun commento:

Posta un commento

Denise Pipitone, spunta una foto di una rom che contattò Polizzi. Il legale di Piera Maggio: «Somiglianza notevole»

  Mattino Cinque  torna sul caso di  Denise Pipitone,  la bambina scomparsa nel 2004 da Mazara del Vallo.