giovedì 10 dicembre 2020

Mamma picchia il figlio di 2 anni con la spranga, perchè le aveva rotto la custodia del cellulare


 


Si tratta di un altro essere vivente che deve ricevere tutte le nostre attenzioni, il nostro tempo e il nostro amore, proprio come dovrebbe essere.


Ma, sfortunatamente, di tanto in tanto si legge di situazioni brutte che riguardano i bambini, già quando sono molto piccoli. Un bambino di 2 anni in Bolivia non ha certo iniziato la sua vita nel modo migliore, ha scritto il Mirror. Per la maggior parte delle persone, è ovvio che ogni vita vada trattata con rispetto. In realtà non dovrebbe essere difficile, ma ogni tanto si legge di bambini maltrattati da qualche parte del mondo.


Non ci sono scuse per fare del male a un altro essere umano o a un animale, ma nonostante questo c’è chi lo fa. Mi fa davvero arrabbiare vedere che qualcuno sceglie di fare del male a qualcuno che non può difendersi. Un bambino di 2 anni che vive in Bolivia con sua madre ha dovuto consultare un medico per alcune ferite brutali. Il suo caso ha attirato moltissimo l’attenzione.


Quando il bambino è stato visitato, aveva gravi ferite al viso e alla schiena.
È stato picchiato da sua madre che ha utilizzato una spranga o una mazza, ha scritto il Mirror. Secondo la sorella maggiore, il bambino ha rotto la carta di credito e la custodia del cellulare della madre, cosa che l’ha fatta molto arrabbiare.



La sorella di 13 anni si era presa cura di lui durante il giorno mentre la mamma era al lavoro e il fatto brutale è avvenuto quando è tornata. Le immagini del brutale maltrattamento sono trapelate sui social, ciò significa che la mamma è stata subito arrestata dopo l’incidente. Non sono pervenute informazioni sulla salute del bambino. Ora è stata avviata un’indagine. La madre, assieme ad un’altra persona non ancora identificata, è sospettata di abuso di minori.

Nessun commento:

Posta un commento

Covid, la mamma è intubata: i medici fanno nascere il bimbo sano e salvo

  All'ospedale di Cona di Ferrara è nato un bimbo da una paziente  con Covid-19 di 35 anni intubata in terapia intensiva da circa un mese.