giovedì 1 aprile 2021

Denise Pipitone, a Chi l'ha visto? il vecchio video della guardia giurata. Perché quella bambina poteva essere lei


 


Sono passati 17 anni dalla scomparsa di Denise Pipitone, e negli ultimi giorni il caso ha visto una svolta inaspettata: una ragazza russa è andata infatti in tv nel suo Paese a raccontare che sta cercando sua madre. 



Ha la stessa età che avrebbe Denise oggi, e somiglia tantissimo alla mamma della bambina scomparsa, Piera Maggio: una novità svelata da Chi l’ha visto? che ne ha parlato nella puntata di ieri. E sempre durante la puntata di ieri, la trasmissione di Rai3 ha ricordato uno dei tanti tasselli poco chiari di questa storia: il video della guardia giurata, che il 18 ottobre 2004, un mese dopo la scomparsa di Denise, filmò a Milano una bambina molto somigliante a lei, che si trovava con altre persone. Un inquietante indizio che, nel caso la ragazza russa sia davvero Denise, potrebbe confermare che la bambina non fu uccisa, ma fu rapita da qualcuno che da Mazara del Vallo la portò prima al Nord, poi forse all’estero.



Il video fu mostrato già in una puntata di parecchi anni fa di Chi l’ha visto?: nel filmato si vede questa bambina, molto simile a Denise, che viene chiamata da una donna «Danas», e a questa donna risponde, con accento siciliano, «dove mi porti?». La somiglianza della bambina del video con Denise è impressionante, come all’epoca i carabinieri del Ris appurarono, affermando che non si poteva assolutamente escludere che quella bimba fosse davvero lei. Una ulteriore somiglianza individuata all'epoca dalla guardia giurata stava in un segno, residuo di un taglio profondo, che la bimba scomparsa aveva sulla guancia sinistra così come la piccola vista a Milano. 





 

 



La guardia giurata filmò la bambina fuori da una banca a Milano: dopo quel giorno, nonostante gli appelli di Chi l’ha visto?, in cui Federica Sciarelli chiese ai genitori o a chi si prendeva cura di lei di farsi avanti per escludere che fosse Denise, di questa bambina non ci fu più nessuna traccia. Intanto la ragazza russa dell’appello in tv, Olesya Rostova, ha già fornito un suo campione genetico per l’esame del Dna: sarà quest’ultimo a togliere il velo su questo mistero che tiene compagnia agli italiani da ormai 17 anni.





 

 


Nessun commento:

Posta un commento

Insegnare ai bambini ad affrontare il bullismo

Al giorno d’oggi sono molti i bambini che non vogliono più andare a scuola perché vengono spesso presi in giro dai compagni.