domenica 13 giugno 2021

Ardea, il killer Andrea Pignani uscito 10 giorni fa dal centro di salute mentale: aveva già sparato, si pensava usasse una scacciacani


 


Non era la prima volta che minacciava qualcuno con la pistola. Andrea Pignani, lo psicolabile 34enne autore della strage di Ardea (si è poi suicidato nella propria abitazione) era uscito dieci giorni fa da un centro di salute mentale.




 

«Perché una persona disturbata mentalmente, più volte segnalato dai vicini per averli minacciati con la pistola, era ancora in possesso di quell'arma?». La domanda - tragicamente tardiva - se la pone Romano Catini, presidente del Consorzio Colle Romito - il centro redenziale di Ardea (Roma) dove è avvenuto il triplice omicidio - i fratellini  Daniel e David Fusinato, 5 e 10 anni, e Salvatore Ranieri, 74 anni - domenica 13 giugno 2021.




«Si pensava che la pistola fosse finta, una scacciacani, sarà successo quattro volte, si sentivano i colpi. La segnalazione attraverso la vigilanza del consorzio era arrivata a carabinieri e polizia locale».




 

Carattere irascibile e incontrollabile, ricorda ancora Catini parlando dell'assasino-suicida: «Andava fuori di testa per nulla. Ho sentito dire che stamattina aveva avuto una discussione con il papà di Daniel e David, ma per futili motivi. Ha provato a sparare anche ad una quarta persona, ma l'ha mancata». Pignani si sarebbe ucciso con la stessa arma utilizzata per la strage.

Nessun commento:

Posta un commento

Belluno, morta bimba di 10 anni investita da un'auto: la donna alla guida ha un malore

  E' arrivata questa sera a Cesiomaggiore (Belluno), 26 luglio, la notizia che nessuno avrebbe mai voluto apprendere.