giovedì 24 giugno 2021

Bambina di 3 anni morta perché rimasta in auto rovente. L’allarme dei testimoni: “Era lì da tanto tempo”


 


Negli Stati Uniti, una bambina di 3 anni è morta dopo essere rimasta in un’auto rovente per tanto tempo. 



Quando sul posto è arrivata la polizia, ha subito notato che la bambina non respirava più. Gli investigatori sospettano che la bambina sia rimasta da sola chiusa in auto per 2 o 3 ore.



Il 3 giugno attorno alle cinque di pomeriggio, la polizia della California è stata avvertita riguardo quello che i testimoni hanno descritto come “una bambina morta rimasta troppo tempo chiusa in auto”, come ha scritto NBC News.


L’auto era parcheggiata in una zona in cui le temperature quel giorno segnavano più di 30 gradi. Una volta sul luogo, la polizia ha trovato una bambina senza vita appena tirata fuori dall’auto. La bambina non respirava, perciò il primo soccorritore arrivato sulla scena ha tentato il massaggio cardiaco. Ma purtroppo la piccola non ha dato segno di vita. 


“Un poliziotto si trovava su un altro caso dall’altro lato della strada ed è arrivato sulla scena in pochi secondi. Si è fatto carico del massaggio cardiaco lasciando liberi i famigliari che stavano tentando di far respirare di nuovo la piccola Jessica.” Hanno fatto tanti tentativi di rianimare la bambina che però purtroppo è stata dichiarata morta il giorno stesso.


“Secondo le dichiarazioni dei nostri investigatori, si pensa che Jessica sia rimasta all’interno del veicolo per 2 o 3 ore prima che la trovassero. La temperatura esterna doveva essere circa di 37 gradi al momento dell’incidente,” ha scritto il dipartimento di polizia di Visalia in una dichiarazione pubblica nella sua pagina Facebook.



L’indagine mostra che la mamma della bambina l’ha lasciata in auto mentre lei si è allontanata per svolgere i suoi affari legati alla droga. In seguito, la polizia ha rinvenuto una grande quantità di marijuana in possesso della donna. Hanno stimato che si trattasse di 70 o 80 piante di diverso tipo. Dopo l’incidente, gli altri figli della donna sono stati presi dai servizi sociali.


Le dichiarazioni venute in seguito mostrano che la mamma della piccola Jessica, Eustajia Mojica Domunguez, coltivava marijuana e la spacciava mentre la bambina rimaneva in auto.



“Per l’indagine dell’incidente relazionato alla droga, hanno contattato l’unità speciale per i casi che hanno a che fare con la marijuana. A casa della donna sono state trovate 70 piante di marijuana mature, 80 piante non ancora mature e circa 215 kg di marijuana già pronta. 




Inoltre, hanno trovato gli altri quattro figli della donna, di 15 e 11 anni e due gemelli di 9 mesi. Sono stati tutti affidati ai servizi sociali,” ha scritto il dipartimento di polizia di Visalia in una dichiarazione.

Nessun commento:

Posta un commento

Muoiono dopo aver ingerito dei frutti velenosi in giardino: il dramma di due fratellini

  Volevano solo mangiare delle mele, ma non si sono accorti che in realtà erano dei frutti velenosi.