martedì 21 settembre 2021

Bimbo sbranato a morte da un cane: la mamma si stava drogando e ubriacando in una roulotte


 


Un bambino di 9 anni è morto dopo essere stato attaccato da uno Staffordshire bull terrier: dalle indagini è emerso che la madre si stava drogando con la cocaina in una roulotte poco distante.



Aveva tanti sogni per il suo futuro e l’intera vita davanti un bimbo di soli 9 anni morto dopo essere stato attaccato da un enorme pittbull. Franke MacRitchie ha riportato ferite mortali alla testa e in diverse altre parti del corpo ed è deceduto per la grande quantità di sangue perso a causa dei morsi ricevuti dallo Staffordshire bull terrier incrociato con un bulldog americano del peso di 99 libbre. Il bambino di Plymouth, aveva trascorso un periodo nella roulotte al Tencreek Holiday Park a Looe, in Cornovaglia, con sua madre, Tawney Willis, e la sua amica Sadie Totterdell. La roulotte era stata affittata da Totterdell dal 7 aprile per una vacanza e l’11 aprile erano arrivati Tawney ed il figlio. Il giorno dopo l’amica ha portato il suo cane, di nome Winston, alla roulotte, e si sono recati tutti al circolo sociale del parco prima di far ritorno verso mezzanotte.


Più tardi, insieme ad altri amici, le due donne si sono ritrovate per bere e anche drogarsi con la cocaina, come successivamente ammesso. L’amica Cheryl Crocker ha detto che Willis è andata a controllare suo figlio alcune volte e improvvisamente l’ha sentita urlare nel momento in cui è venuta a conoscenza della tragedia. Il suo compagno Jordan Pearce ha aggiunto: “Eravamo tutti seduti nella nostra roulotte quando Tawney è uscita per controllare e potevo sentire qualcosa, quindi ho abbassato la musica e non ho sentito nulla. Abbiamo riacceso la musica e abbiamo sentito un urlo e lei è letteralmente entrata di corsa dalla porta ed è stato allora che lo abbiamo saputo”. Jordan ha detto che dopo l’attacco Totterdell è fuggito dal parcheggio delle roulotte, portando con sé Winston. I servizi di emergenza sono stati allertati poco prima delle 5 del mattino del 13 aprile, dopo che Tawney è tornato alla roulotte e ha scoperto Frankie sdraiato sul pavimento della cucina coperto di sangue. Alle 5.35 il bambino è stato dichiarato morto, dilaniato dal cane. Il dottor Cook ha aggiunto: “Le ferite sono così devastanti e così estese che chiunque, un bambino o un adulto, sarebbe morto per la perdita di sangue. Willis e Totterdell sono finite in prigione: l’inchiesta prosegue.

Nessun commento:

Posta un commento

Allarme virus respiratorio nei neonati: reparti pediatrici e terapie intensive degli ospedali strapieni

  E' allarme per l'epidemia di virus respiratorio sinciziale che sta colpendo in tutta Italia i bimbi appena nati, con reparti pedia...