mercoledì 1 settembre 2021

Come motivare i bambini con difficoltà di apprendimento


 


Oggi sempre più bambini si trovano ad affrontare i disturbi dell'apprendimento. Come genitori abbiamo il dovere di sostenerli e aiutarli, per evitare che rinuncino e perdano interesse nell'istruzione.



Sempre più bambini in tutto il mondo stanno affrontando difficoltà di apprendimento. Tuttavia, motivarli a superare determinate materie non è impossibile. La dislessia, la discalculia, il deficit dell’attenzione e altri problemi non sono impedimenti per andare avanti nell’istruzione.


Chiaramente, facciamo riferimento a bambini che elaborano le informazioni in modo diverso dagli altri. Pertanto, richiede maggiore impegno, sforzo e motivazione. Tutto questo, senza contare maggiori quantità di tempo e pazienza. Fattori che, senza dubbio, dovrebbero collaborare con i loro genitori.


Paura del fallimento, frustrazione costante, mancanza di comprensione e problemi emotivi sono le pietre miliari della scarpa. Almeno questo è ciò che affermano vari studi che sono stati effettuati su questo tema. Ciò si riflette nell’intenzione di abbandonare la scuola, evitare di provare o negare la complicazione.


Come aumentare la motivazione di fronte ai difficoltà di apprendimento?


I bambini sperimentano un costante desiderio di imparare. In effetti, la vostra missione in caso di problemi di apprendimento o di attenzione è alimentare quel desiderio. Ma come riaccendere l’appetito per la conoscenza e nutrire la curiosità?


Accompagnate il loro apprendimento. Se il bambino sente i suoi genitori coinvolti, la motivazione aumenta nonostante le difficoltà. Pertanto, dedicate del tempo e siate consapevoli dei loro progressi e delle loro battute d’arresto. Non si tratta di risolvere i problemi, ma di parlarne e di cercare risposte agli ostacoli. Sostenetelo, ma non fate quello che non riesce a fare al suo posto.

Costruite la sua autostima. L’importante è mettere in risalto le sue capacità e abilità in ogni momento. Celebrate i suoi successi e coltivate le passioni dentro e fuori la scuola. Le attività extracurriculari possono essere di grande aiuto, a patto che sappiate come usarle per stimolare l’apprendimento. Ebbene, in questo modo capirà di essere molto capace e sarà incoraggiato a provarci. Ricordate sempre di dare valore al loro impegno.


Seminate persistenza e tenacia. Spiegate che anche se riesce a gestire tempi diversi e deve affrontare più ostacoli rispetto ai suoi coetanei, è capace quanto gli altri. L’essenziale è fondamentalmente provare, ancora e ancora. Senza paura di fallire, perché c’è molto da imparare dagli errori. Persistenza, fortuna o intelligenza, il mondo appartiene a chi ci prova! Ricordategli sempre che i geni sono fatti, non nati.


Amore e rispetto, sempre. Al di là dei suoi successi e fallimenti, vostro figlio ha bisogno di voi al suo fianco. Connettetevi con lui, accettatelo e offritegli supporto e compagnia in ogni situazione.


Premiate ciò che è stato appreso, non i risultati scolastici. Non inviate messaggi sbagliati a vostro figlio. L’obiettivo non è ottenere i voti migliori a scuola, ma imparare. Altrimenti, il bambino crederà che lo sforzo non serva a nient’altro che raggiungere il successo accademico, cosa lo frustrerà.


Lasciate che scelga condizioni favorevoli. Lasciate che il bambino scelga l’ora del giorno in cui preferisce studiare e fare i compiti. Inoltre, che sia in grado di scegliere il posto appropriato, perché in questo modo sentirà di avere il controllo di determinate situazioni. Così, il minore guadagna orgoglio e motivazione.



La pazienza come chiave nella motivazione


La pazienza è la pietra angolare affinché genitori e figli possano godersi questo viaggio lungo, difficile ma gratificante. Ebbene, anche se ci saranno molti ostacoli da superare, la motivazione spingerà il piccolo a imparare e svilupparsi. E niente è meraviglioso quanto un minore con la capacità di vedere il mondo in modo diverso.


È essenziale mantenere alta la motivazione del bambino. Per fare ciò, è necessario capire che i problemi di apprendimento possono essere risolti e superati. Ma non tutto deve necessariamente ruotare attorno a tale difficoltà. Altre aree possono essere gestite purché aiutino e avvantaggino il bambino.


Inoltre, come genitori dobbiamo assicurarci di qualcosa di elementare: i nostri figli devono avere tutto ciò di cui hanno bisogno per migliorarsi. Ma questo non significa mai che l’illusione e il desiderio di continuare ad imparare e migliorare lentamente agonizzino, ma piuttosto che risorgano dalle ceneri come una fenice.

Nessun commento:

Posta un commento

Quando inizia la produzione di colostro durante la gravidanza?

Se anche voi avete avuto un bambino in passato, saprete benissimo   cosa sia il colostro . Se invece vi trovate a far fronte alla vostra pri...